renault mosca

La casa automobilistica francese Renault ha ripreso la produzione nei suoi stabilimenti a Mosca, in controtendenza rispetto a molte altre grandi aziende globali che hanno tagliato i legami con la Russia a causa della sua guerra all’Ucraina.

La Renault aveva sospeso la produzione nello stabilimento il mese scorso, adducendo problemi logistici dopo l’invasione dell’Ucraina su ordine di Vladimir Putin. Tuttavia, la decisione di Renault di riavviare la produzione ha il sostegno del governo francese, che è il suo principale azionista, secondo fonti citate da Reuters.

Renault possiede una partecipazione di controllo di due terzi nella casa automobilistica russa Avtovaz dalla fine del 2016, dopo aver investito per la prima volta in quello che allora era un mercato in rapida crescita nel 2007.

Ciò significa che ha operazioni nel paese più grandi della maggior parte degli altri rivali europei, con 40.000 dipendenti locali, ponendo una sfida enorme mentre i governi di Stati Uniti, Regno Unito e UE cercano di isolare economicamente la Russia.

Avtovaz ha venduto 350.000 veicoli nel 2021, realizzando profitti prima delle tasse di 186 milioni di euro per la Renault, ovvero circa il 12% dei suoi guadagni quell’anno. Avtovaz iniziò come azienda statale in Unione Sovietica, producendo automobili che divennero fortemente associate al regime comunista sotto i marchi Zhiguli e poi Lada.

Mentre lo stabilimento di Mosca è stato riavviato, Avtovaz ha dichiarato lunedì che questa settimana avrebbe parzialmente interrotto la produzione in un enorme stabilimento a Togliatti, una città sul fiume Volga, e un altro a Izhevsk, una città a 500 km a nord-est. L’arresto è stato causato dalla carenza di parti elettroniche, ha affermato.

Molte società non condividono la scelta

Le case automobilistiche di tutto il mondo hanno lottato per reperire chip per computer a semiconduttore utilizzati in qualsiasi cosa, dalle autoradio ai tergicristalli, e le fabbriche russe rischiano di cadere ulteriormente in coda man mano che il suo isolamento economico si approfondisce. Le sanzioni occidentali imposte alla Russia dopo l’invasione includono divieti alle esportazioni di semiconduttori.

Diverse società europee e di altre economie ricche sono state costrette a cancellare asset in Russia dopo le pressioni e le sanzioni del governo.

Authentic Brands, il proprietario del marchio di abbigliamento sportivo Reebok, lunedì ha dichiarato di aver “sospeso tutti i negozi di marca e le operazioni di e-commerce in Russia”. Il marchio, che era stato evidenziato come una delle numerose etichette occidentali che erano state lente ad agire, ha circa 90 negozi in Russia.

Le aziende rimaste in Russia hanno subito crescenti pressioni per interrompere l’attività in Russia, compreso il gruppo svizzero di alimenti e bevande Nestlé. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelenskiy, ha criticato Nestlé, che continua a vendere prodotti “essenziali” come pappe, cereali e alcuni alimenti per animali domestici in Russia.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it