Da un po’ di giorni stiamo provando il nuovo HiPad Pro di casa Chuwi, un tablet compatto dal design moderno e versatile grazie agli accessori di cui si può dotare.

Stiamo parlando di un tablet di medio gamma e in effetti lo è sotto quasi ogni punto di vista. Prestazioni, materiali e prezzo sono tutti nella media di quello che ci saremmo aspettati da un dispositivo del genere.

Design e confezione

Sicuramente, il design di questo tablet non sarà il più originale, tuttavia ci è piaciuto molto e non solo a noi. Infatti ha uno stile moderno e sulla scocca posteriore troviamo il colore (blu nella nostra versione di prova) separato da una striscia sottile longitudinale cromata. Le verniciature sono opache, trattengono abbastanza le “ditate” e il feedback al tatto dei materiali è davvero piacevole. Diverse persone hanno visto il dispositivo nei scorsi giorni e a livello estetico possiamo dire che ha colpito chiunque.

Sulla parte inferiore del device troviamo due altoparlanti, sul lato destro è posto il tasto per il volume, sulla parte sinistra troviamo la slot per l’inserimento della SIM 1 e 2 e sulla parte superiore troviamo altri due altoparlanti, più il tasto di accensione e la porta Type-C per la ricarica. Le dimensioni sono 245 mm x 157,7 mm x 7,4 mm per un peso complessivo di circa 450 g, quindi possiamo definirlo abbastanza leggero e sottile per la categoria.

La versione che abbiamo noi in prova è dotata di un display da 10,8 pollici con un rapporto 16:10 ed una risoluzione 2K (2560 x 1600 px). Tutto sommato un pannello carino e abbastanza fluido con il refresh rate standard a 60 Hz.

La confezione è una scatola abbastanza spartana, ma all’interno il dispositivo è ben protetto da un blocco di plastica che avvolge completamente il tablet. Oltre al device troviamo:

  • Manuale d’istruzioni;
  • Spillo per aprire la slot delle SIM;
  • Piccolo adattatore da 10 W;
  • Cavo Type-A – Type-C;

Insomma, troviamo lo stretto necessario.

Prestazioni e specifiche tecniche

Sotto al telaio troviamo un processore Mediatek helio G95 Octa-Core, 128 GB di storage e 8 GB di RAM, inoltre possiamo espandere la ROM ulteriormente di 128 GB tramite SD, WiFi 5G e Bluetooth 5.0.

La batteria da 7000 mAh consente al HiPad Pro un’autonomia di circa 8 ore di schermo acceso. Quindi, tutto sommato abbiamo una batteria con le giuste caratteristiche per le prestazioni del dispositivo, ricordando che stiamo parlando di un medio gamma. Infatti, il processore Mediatek helio G95 ha le giuste prestazioni per un dispositivo del genere, nulla di più o nulla di meno di quello che ci saremmo aspettati a questo prezzo. Per un uso da ufficio o per la riproduzione di alcuni contenuti audiovisivi si comporta molto bene ed è abbastanza fluido.

Come detto precedentemente, qui troviamo quattro altoparlanti per un’audio stereo potente. Infatti, qui l’audio ci è piaciuto molto, anche se la riproduzione non è di alta qualità, il suono è comunque forte e chiaro. Quindi le casse potenti di questo dispositivo sono assolutamente un pro, per quanto riguarda la riproduzione di serie TV, film e altri contenuti audiovisivi.

Inoltre, grazie allo schermo 2K, anche le immagini saranno di buona qualiutà

Peccato però per il touchscreen, perché la navigazione sullo schermo risulterà difficile quando utilizzerete entrambe le mani sui bordi del display. Anche se la cornice è abbastanza evidente, è super sensibile al touch e quindi avendo le mani anche al limite del telaio, spesso il tablet riconoscerà la semplice presa del device come comandi che non volevamo. Per avere una navigazione corretta e fluida bisogna usarlo con una sola mano, ma come potete ben capire, un dispositivo del genere non si può gestire con una sola mano.

Sarebbe stato molto comodo avere un supporto dietro alla scocca estendibile, per poter appoggiare il tablet su superfici piane, come per esempio la parte posteriore del Surface. Tuttavia, questo è un problema che potrete riscontrare principalmente per l’utilizzo del dispositivo da solo, ma Chuwi mette a disposizione accessori secondari come: la cover con tastiera e la smart pen.

Purtroppo, nella versione che abbiamo avuto noi in prova, ovvero solo il tablet senza tastiera o smart pen, l’utilizzo dello schermo touch screen lo abbiamo trovato poco facile. Utilizzo, ripetiamo, se per sbaglio si vanno anche solo a sfiorare le cornici del schermo, lui non riconoscerà qual è fra i due tocchi quello principale.

Comparto fotografico

Per quanto riguarda il comparto fotografico, anche qua ci troviamo nella media, pensando appunto a quello che è il target di questo dispositivo. Abbiamo una fotocamera frontale da 5 MP e quella posteriore da 8 MP.

La qualità delle foto e dei video non è delle più eccezionali, ma sono perfettamente in linea con la fascia di prezzo di questo tablet. Inoltre, è possibile anche attivare o disattivare la modalità HDR e lo stabilizzatore.

Possiamo registrare video ad una risoluzione massima di FHD (1920 X 1080 pixel), tra le impostazioni della videocamera possiamo andare a modificare il bilanciamento del bianco e se vogliamo usare o meno il microfono. Inoltre, abbiamo diverse modalità di scena come: notturna, tramonto, festa, ritratto, ecc. Queste modalità di scena altro non sono che dei filtri della camera che abbiamo trovato interessanti e carini.

Conclusioni e prezzo

Con la cover tastiera e la smart pen, il Chuwi HiPad Pro diventa veramente interessante e soprattutto molto versatile per usarlo come laptop di lavoro, se la vostra professione non richiede prestazioni elevate. Questo tablet è un alleato di fiducia per lavori veloci anche fuori casa, grazie al suo peso, le dimensioni e le prestazioni da mediogamma.

La versione che abbiamo avuto in prova, la 8 + 128 GB da 10,8″ la potete acquistare su Amazon ad un prezzo di circa 300 euro. La cover-tastiera la potete trovare a circa 50 euro, anche la smart pen la potete trovare sempre a circa 50 euro. Entrambe originali Chuwi.

Chuwi HiPad Pro

300
7.6

Design

8.5/10

Prestazioni

7.0/10

Autonomia

8.0/10

Fotocamere

7.0/10

Prezzo

7.5/10

Pro

  • Buone casse per un audio potente
  • Design moderno

Contro

  • Touchscreen poco preciso
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.