asteroide

Un asteroide delle dimensioni di un frigorifero è stato individuato ore prima che colpisse l’atmosfera terrestre e, sebbene non sia risultato pericoloso.

L’11 marzo, l’astronomo Krisztian Sarneczky ha notato un asteroide all’Osservatorio Piszkéstető in Ungheria. Sarneczky lo riferì al Minor Planet Center dell’Unione Astronomica Internazionale, confermando che era la prima volta che l’asteroide veniva osservato.

Il sistema “Scout” della NASA, che ricerca costantemente nel database del Minor Planet Center qualsiasi potenziale impatto, ha quindi calcolato l’orbita dell’asteroide, scoprendo che l’asteroide avrebbe sicuramente colpito la Terra. Il sistema ha quindi notificato al Center for Near Earth Object Studies presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California e ad altri sistemi di impatto di asteroidi.

Fortunatamente per la Terra, l’asteroide, chiamato 2022 EB5, era lungo circa 6 piedi e mezzo, una dimensione “troppo piccola per rappresentare un pericolo per la Terra“, ha affermato la NASA in una nota.

Scout” ha stabilito che l’asteroide sarebbe entrato nell’atmosfera terrestre intorno a Jan Mayen, un’isola norvegese a circa 300 miglia a nord-est dell’Islanda. Alle 17:23, due ore dopo che l’asteroide è stato individuato per la prima volta da Sarneczky, l’asteroide ha colpito l’atmosfera terrestre proprio come previsto da “Scout“.

È stata la quinta volta che un asteroide è stato avvistato ore prima che colpisse la Terra e la prima volta dal 2019.

Potrebbe rappresentare un pericolo se non rilevati a tempo in futuro

“Scout aveva solo 14 osservazioni in 40 minuti da un osservatorio con cui lavorare quando ha identificato per la prima volta l’oggetto. Siamo stati in grado di determinare i possibili luoghi dell’impatto, che inizialmente si estendevano dalla Groenlandia occidentale al largo della costa della Norvegia“, ha affermato Davide Farnocchia, ingegnere di navigazione che ha sviluppato Scout. “Man mano che più osservatori seguivano l’asteroide, i nostri calcoli della sua traiettoria e posizione dell’impatto sono diventati più precisi“.

L’Organizzazione Internazionale delle Meteore ha affermato che nessun meteorite dall’asteroide è stato recuperato, ma alcune persone in Islanda hanno riferito di aver visto lampi luminosi, indicando che la roccia spaziale è diventata una palla di fuoco.

Paul Chodas, direttore del Center for Near Earth Object Studies, ha affermato che asteroidi come EB5 del 2022 entrano nell’atmosfera terrestre circa ogni 10 mesi, ma è difficile individuarne uno prima che sia già entrato nell’atmosfera.

Pochissimi di questi asteroidi sono stati effettivamente rilevati nello spazio e osservati ampiamente prima dell’impatto, fondamentalmente perché sono molto deboli fino alle ultime ore e un telescopio di rilevamento deve osservare il punto giusto del cielo al momento giusto per uno da rilevare“, ha detto Chodas.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it