Sky e DAZN con le IPTV: la pirateria trova la Guardia di Finanza, 500 mila utenti presi

Il ritorno delle coppe europee e lo sprint finale per il campionato di Serie A segna anche una nuova impennata per la popolarità dello streaming IPTV. Nel corso di questa stagione primaverile saranno molti gli italiani che per seguire la loro squadra del cuore si affideranno alla visione di Sky, DAZN e Amazon Prime Video in un unico ticket.

 

IPTV, quanti rischi per la Serie A in streaming gratuito

Lo streaming illegale è senza dubbio una garanzia per tutti coloro che vogliono accedere ai contenuti delle pay tv senza pagare però un equo canone. In base a quelle che sono le attuali tariffe, con l’IPTV gli italiani arrivano a risparmiare sino al 90% su base annua rispetto ai ticket di Sky, DAZN e Amazon.

I rischi per il pezzotto però sono numerosi. Le attuali norme puniscono i clienti che si affidano all’IPTV con sanzioni sino a 30mila euro ed in caso di recidiva anche con la reclusione dai sei mesi a tre anni.

Le truffe sono poi un’altra grande fonte di pericolo. Su Telegram, ma anche su WhatsApp, nelle ultime settimane si sono moltiplicati i gruppi fake per la vendita dei pacchetti IPTV. Molti utenti si trovano quindi a pagare agli hacker alcuni servizi streaming, senza ricevere alcunché in cambio.

La scelta dello streaming illegale IPTV talvolta è anche vincolata ai canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

GennaroS
Giornalista pubblicista dal 2014, collaboratore di TecnoAndroid dal 2016. Le mie passioni nel tempo libero: l'Inter, Napoli, Roger Federer, Game Of Thrones, tutto ciò che è buona musica, viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare.