Anonymous-2

Anonymous ha inviato più di 5 milioni di sms a numeri di cellulari russi trasmettendo informazioni su ciò che sta realmente accadendo in Ucraina.

Abbiamo un messaggio per i cittadini del mondo libero: L’Ucraina ha bisogno di te. Sei il più grande esercito nella storia del mondo. Non hai bisogno di armi o munizioni. Le tue armi sono smartphone e le tue munizioni sono messaggi inviati ai cittadini russi”.

Il collettivo di hacker Anonymous ha lanciato l’offensiva informatica #OpRussia quasi due settimane fa in risposta all’invasione dell’Ucraina, provocando hack e takedown di siti web del governo russo insieme a fughe di dati sequestrati. Gli hacker hanno utilizzato il loro accesso per trasmettere la verità sulla guerra di Putin ai cittadini e invitare i russi a opporsi all’attacco al loro vicino.

I programmatori anonimi Squad303 hanno creato uno strumento che consente ai non hacker di dare un contributo positivo alla “operazione informatica più grande e di maggior successo nella storia del mondo”. Entro 48 ore dal rilascio dello strumento 1920.in, il gruppo ha riferito su Twitter che “il popolo del mondo libero ha inviato ai russi 2 milioni di messaggi di testo” avvertendo che il popolo russo avrebbe sofferto a causa della risposta delle nazioni alla richiesta di Vladimir Putin aggressività e che hanno bisogno di conoscere la verità sulla sua guerra non provocata. Entro martedì, quel volume aveva raggiunto i 5 milioni e continuava a salire.

Il gruppo ha anche pubblicato sul suo canale Telegram un elenco dei numeri di cellulare dei membri della Duma russa, incoraggiando l’esercito digitale a “fare una bella chiacchierata” con i legislatori.

Un altro gruppo di Anonymous ha affermato di aver preso il controllo di oltre 400 feed di telecamere russe tra cui strutture governative, uffici, scuole e aziende, e ne ha pubblicato alcuni su un sito web con un messaggio che include l’ultimo bilancio delle vittime civili in Ucraina e inizia con ” Putin sta uccidendo i bambini“.

Questa è anti-propaganda per aprire gli occhi ai civili russi“, ha twittato lunedì l’account di Anon. “Abbiamo già lavorato al nostro prossimo dump di telecamere che conterrà telecamere dalla Bielorussia e dall’Ucraina, per lo più zone di combattimento che saranno più utili per la ricognizione”.

In una dichiarazione d’intenti sul loro sito di dump behindenemylines.live, gli hacker di Anonymous hanno detto: “Se sei russo, vogliamo solo che tu sappia che stai subendo il lavaggio del cervello dalla propaganda di stato, e che il Cremlino e Putin ti stanno mentendo. L’Ucraina non è controllata dai nazisti, non hanno bisogno che tu li “liberi”. Devi reagire e liberarti dal tuo dittatore. Ci rendiamo conto che è spaventoso e più facile a dirsi che a farsi, ma avrai il mondo intero dietro di te, che ti supporterà e ti osserverà“.

Informazioni scottanti anche su Kaspersky

Una tabella twittata da un account Anonymous ha stimato che al 3 marzo circa un terzo dei principali gruppi di hacker era coinvolto nella “più grande guerra informatica mai vista in questo momento“, e solo 12 dei 49 gruppi si sono schierati con la Russia.

NB65, un gruppo di hacker affiliato ad Anonymous che in precedenza aveva affermato di aver violato il centro di controllo di Roscosmos e interrotto il controllo dell’agenzia sui suoi satelliti spia come parte dell’offensiva informatica, ha promesso martedì che una fuga del codice sorgente di Kaspersky è imminente. “Sono sicuro che troverai relazioni interessanti in questo codice“, ha twittato il gruppo. “Gloria all’Ucraina.”

In un messaggio pubblicato domenica, NB65 ha dichiarato che “abbiamo apprezzato molto la sicurezza degli endpoint di Kaspersky, è un ottimo punto d’appoggio!”

Più di 2.500 siti web collegati ai governi russo e bielorusso insieme a media statali, banche, ospedali, aeroporti e aziende sono stati violati nella prima settimana dopo che il collettivo Anonymous ha dichiarato di aver lanciato operazioni informatiche, secondo quanto riportato la scorsa settimana da un importante account Anonymous . Gli hacker contro la guerra hanno anche inseguito hacker filo-russi, rubando e facendo trapelare migliaia di chat interne dal gruppo ransomware Conti, oltre a comunicazioni militari e altro ancora.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it