IPTV: grossa truffa agli utenti, ora la Guardia di Finanza multa tutti con 1000€

I clienti che decidono di sottoscrivere un ticket per lo streaming IPTV, il cosiddetto pezzotto, sono sempre più numerosi in Italia. Con il ritorno delle coppe europee, sono sempre di più gli appassionati di calcio che decidono di seguire la loro squadra del cuore su DAZN, Sky ed Amazon Prime Video senza un regolare abbonamento.

 

IPTV, altissimi i rischi per la visione gratis del calcio

Lo streaming illegale è una realtà in Italia da molti mesi, anche e soprattutto a causa del fattore prezzi. I clienti che decidono di attivare un’offerta per l’IPTV in media si trovano a risparmiare sino al 90% ogni anno in termini di costi.

La sottoscrizione IPTV porta però a numerosi rischi. Tutti i trasgressori infatti possono incorrere in sanzioni amministrative molto alte, sino ad un massimo di 30mila euro. Possibile anche la reclusione in galera sino a tre anni per i casi di recidiva.

Attenzione anche alle pericolose truffe che si rincorrono in rete. Nelle ultime settimane su WhatsApp e su Telegram sono aumentati gli episodi dei malintenzionati e delle finte offerte per ticket IPTV. Gli utenti, spesso e volentieri, dopo aver pagato abbonamenti per il pezzotto non ricevono alcun servizio in cambio.

L’indirizzo dell’IPTV senza un abbonamento regolare per DAZN, Sky e Amazon è collegato anche alla tecnologia dei canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

GennaroS
Giornalista pubblicista dal 2014, collaboratore di TecnoAndroid dal 2016. Le mie passioni nel tempo libero: l'Inter, Napoli, Roger Federer, Game Of Thrones, tutto ciò che è buona musica, viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare.