Iliad: il Codacons vuole annullare l'offerta in fibra, ecco cosa è successo

La situazione che sta riguardando molto da vicino Iliad avrebbe dell’incredibile. Il gestore, dopo aver lanciato ufficialmente la sua prima promozione in fibra ottica, sarebbe già affrontando il Codacons, noto ente a tutela del consumatore.

Secondo quanto riportato, dopo alcuni test condotti dal Codacons, sembrerebbe che il router Iliadbox non sia poi così in grado di portare gli utenti a raggiungere la velocità di 5 Gigabit per secondo. Proprio per questo motivo Iliad sarebbe stata tracciata di scarsa trasparenza. 

 

Iliad: ecco il comunicato del Codacons che descrive la situazione

Da un’analisi più approfondita il modem che consegnato ai clienti supporta tale velocità promessa, ma solo come “velocità complessiva”, concetto assolutamente incomprensibile per qualsiasi consumatore. I 5 Giga pubblicizzati infatti sono solo teorici e sostanzialmente impossibili da raggiungere nell’uso normale che un consumatore fa della connessione domestica e della connessione ad internet.

Solo una minima parte di questi 5 Gigabit al secondo è infatti utilizzabile per l’uso più comune che si fa della connessione ad internet, quello cioè della connessione wifi. Più precisamente solo 500 megabit dei 5 Giga promessi sono utilizzabili in WiFi, ovvero solo il 10% della prestazione pubblicizzata. E se si collegano più apparati in wifi tale disponibilità di banda e di velocità di connessione va addirittura condivisa riducendosi ulteriormente.

I 5 Gigabit al secondo che Iliad pubblicizza in realtà si potrebbero raggiungere solo tramite la connessione temporanea di più computer alle singole porte Ethernet del modem. Ma nessuno di noi fa un utilizzo simile dei computer e degli altri apparecchi domestici collegati in rete: l’esperienza comune ed abituale è quella di collegare comodamente tali apparecchi al wifi di casa.