netflix lgbt

Giovedì, il più grande gruppo di difesa LGBTQ della nazione ha pubblicato il suo annuale Corporate Equality Index (CEI), uno strumento che valuta le aziende in base alle loro politiche per dipendenti lesbiche, gay, bisessuali, transgender e queer, ma una società non era più inclusa: Netflix.

La campagna per i diritti umani ha sospeso il punteggio CEI del gigante dello streaming quest’anno in relazione alla gestione da parte della società dello speciale 2021 di Dave ChappelleThe Closer“.

Jay Brown, vicepresidente per i programmi, la formazione e la ricerca del gruppo, ha affermato che le battute di Chappelle sulle persone trans e sul resto della comunità LGBTQ mettevano l’uno contro l’altro i gruppi emarginati e danneggiavano i dipendenti trans dell’azienda.

Dal 2017, Netflix ha ottenuto un punteggio perfetto di 100 in base ai quattro criteri dell’indice: protezione dalla discriminazione sul posto di lavoro per le persone LGBTQ, vantaggi inclusivi, sostegno a una cultura inclusiva all’interno e all’esterno del luogo di lavoro e cittadinanza responsabile, che include se le aziende hanno donato a cause LGBTQ.

Come funziona il rating e perche’ Netflix non ne fa piu’ parte

Le aziende che ottengono un punteggio di 100 nell’indice ricevono la distinzione “Best Places to Work for LGBTQ+ Equality“. Per la prima volta in cinque anni, Netflix non riceverà tale riconoscimento e inoltre non riceverà alcun punteggio.

In una dichiarazione, un portavoce di Netflix ha affermato che la società è rispettosamente in disaccordo con la decisione della campagna per i diritti umani.

“Anche se abbiamo più lavoro da fare, abbiamo fatto passi da gigante sull’inclusione, anche per i nostri colleghi LGBTQ+“, ha detto il portavoce in un’e-mail. “Ad esempio, offriamo assistenza transgender completa e non inclusiva nei nostri piani sanitari negli Stati Uniti, nonché adozione, maternità surrogata e congedo parentale per le coppie dello stesso sesso. E abbiamo anche lavorato duramente per aumentare la rappresentazione sullo schermo. Netflix è l’unica grande società di intrattenimento ad aver commissionato e pubblicato una ricerca indipendente sulla diversità nei nostri contenuti in modo da poter misurare meglio i nostri progressi”.

Netflix ha pubblicato “The Closer“, il sesto speciale di Dave Chappelle sulla piattaforma, a ottobre, a cui sono seguite rapidamente le polemiche.

Dopo le critiche sia dei dipendenti di Netflix che di alcuni spettatori sul fatto che le battute fossero transfobiche e avrebbero contribuito agli alti tassi di violenza che la comunità trans deve affrontare, il CEO di Netflix Ted Sarandos è stato al fianco di Chappelle in un’e-mail interna in cui ha affermato: “Anche se alcuni dipendenti non sono d’accordo, siamo fermamente convinti che i contenuti sullo schermo non si traducano direttamente in danni nel mondo reale”, ha riferito Variety.

Chappelle ha detto che si sarebbe incontrato con i dipendenti trans di Netflix, ma solo se avessero guardato tutto lo speciale.

“Lo speciale stesso, la reazione, la risposta dell’azienda è stata davvero dura“, ha detto Brown di Human Rights Campaign. “Come persona trans, è stato difficile da guardare. Sembrava ignorare davvero il fatto che abbiamo vite intersezionali nella comunità e abbiamo cercato di mettere essenzialmente due gruppi emarginati l’uno contro l’altro, e non ho davvero apprezzato nemmeno la risposta iniziale di Netflix”.

I dipendenti di Netflix hanno organizzato uno sciopero a sostegno dei dipendenti trans e per protestare contro i commenti di Sarandos.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it