stellantis russia

Stellantis inizierà ad esportare furgoni commerciali in Europa dalla sua fabbrica a Kaluga, in Russia, per soddisfare la crescente domanda di veicoli.

Le esportazioni inizieranno con tre modelli fratelli di taglia media, Peugeot Expert, Opel Vivaro e Citroen Jumpy. Le spedizioni dovrebbero iniziare a febbraio.

I furgoni prodotti in Russia si aggiungerebbero a quelli realizzati negli stabilimenti Stelllantis in Francia e nel Regno Unito a causa della crescente domanda di veicoli commerciali, soprattutto perché i servizi di consegna a domicilio sono esplosi durante la pandemia di coronavirus.

Stellantis ha dichiarato in un comunicato martedì che la produzione nello stabilimento di Kaluga è raddoppiata nel 2021 rispetto al 2020. La fabbrica di Kaluga, che ha una capacità annua di 125.000 veicoli, sta diventando un hub di esportazione globale per Stellantis e lo scorso anno ha aggiunto nuovi programmi.

Ecco i nuovi programmi e le auto che verrano prodotte in Russia

Comprendono i piani per costruire il nuovo Fiat Scudo (una versione dei furgoni Peugeot, Citroen e Opel) per l’esportazione alla fine del 2022; produzione di motori diesel e cambi manuali per l’esportazione; e la produzione di furgoni compatti per alcuni marchi Stellantis.

La fabbrica, una joint venture con Mitsubishi, ha iniziato a costruire furgoni nel 2017 per l’ex Gruppo PSA, che si è fuso con Fiat Chrysler per formare Stellantis.

Kaluga, a circa 180 km a sud-ovest di Mosca, è diventata un centro dell’industria automobilistica russa. Il Gruppo Volkswagen ha aperto lì uno stabilimento di assemblaggio nel 2007, così come i camion Volvo. Tra i fornitori di spicco della zona figurano Continental, Magna International e Visteon.

Il governo degli Stati Uniti ha minacciato sanzioni ad ampio raggio per dissuadere la Russia dall’invasione dell’Ucraina, una mossa negata da Mosca, bloccando potenzialmente l’accesso del paese alle forniture elettroniche globali, anche per l’industria automobilistica.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it