Unieuro: impazziti gli utenti per gli smartphone gratis, ecco il messaggio

Per avere le migliori offerte Amazon test tamponi rapidi e le mascherine FFp2 ai prezzi migliori, ecco il nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare. E’ gratuito. 

Avete mai sentito parlare di quelle promozioni strepitose di cui dispongono i grandi colossi del mondo dell’elettronica? Unieuro è uno di questi, senza dubbio uno dei più blasonati in Italia sia per quanto riguarda i prezzi ordinari che per quanto riguarda i prezzi in periodo di saldi.

Premettendo che le offerte del colosso attualmente sono certamente tra le migliori, di certo non esiste che possa regalare degli smartphone agli utenti. Il messaggio in questione, il quale sta girando su più dispositivi, permette infatti di venire a conoscenza di quella che è una vera e propria fake news finalizzata alla truffa. L’obiettivo è farvi cliccare sul link che vi condurrà ad un finto sito Unieuro, Dove inserendo le vostre credenziali non farete altro che abbonarvi ad alcuni abbonamenti a pagamento. 

 

Unieuro non c’entra nulla: questo è il vero testo della descrizione che trovate nel sito reale del colosso

Per non sbagliarvi, tenendo conto del sito fasullo a cui riconduce il messaggio truffa, ecco la vera descrizione che trovate nel sito ufficiale di Unieuro.

Unieuro sta affrontando una nuova avventura, questa volta molto pericoloso. Sarà infatti compito dell’azienda provare a far capire a tutti che c’è una truffa in atto, la quale potrebbe portare via dei soldi dal conto corrente o del credito residuo. 

Il nuovo messaggio che si è diffuso sta praticamente dicendo agli utenti alcuni smartphone possono essere ottenuti gratis dal sito ufficiale. Il tutto cliccando su un link che è in realtà un fake. Questo porta ad una pagina praticamente uguale a quella del colosso, mediante la quale però gli utenti finiranno per abbonarsi ad alcuni abbonamenti a pagamento senza neanche saperlo.

Avatar
Appassionato di informatica dall'adolescenza. Nostalgico degli anni '90, quando per masterizzare un cd ci voleva mezz'ora e al posto degli instant messenger si usavano gli squilli sul cellulare.