marte peso

La Stazione Spaziale Internazionale è un enorme satellite orbitante, in cui tecnologie e idee vengono testate in assenza di gravità. Nell’enorme struttura, gli astronauti coltivano lattuga, testano stampanti 3D ed esplorano la realtà aumentata (tra correre maratone e intrattenere tutti noi in altro modo). Ma gli astronauti stessi non sono solo scienziati o ingegneri. In molti modi sono anche soggetti di prova per i ricercatori qui sul campo, desiderosi di saperne di più su ciò che accade ai corpi nello spazio.

A tal proposito, molti scienziati si sono chiesti come potra’ reagire il corpo degli astronauti e in particolare la questione del peso, considerando gli ultimi avvenimenti che hanno visto nascere la possibilita’ di un imminente viaggio verso Marte che dovrebbe durare anni.

Se c’è qualcuno che potrebbe avere una risposta, è il dottor Scott Smith, che guida il laboratorio di biochimica nutrizionale della NASA. Ultimamente ha mostrato alcune ricerche che spiegano come il corpo umano elabora il grasso nello spazio.

“La risposta breve è che non ne sappiamo molto“, dice Smith. Spiega che la NASA ha dei limiti quando si tratta di ciò che decide di studiare, limiti sia nel tempo che nei soggetti, quindi le persone che danno la priorità agli studi nutrizionali tendono a concentrarsi sugli aspetti ad alto rischio della nutrizione.

Alcuni perdono l’appetito, la sfida e’ far mangiare tutti correttamente

Da un punto di vista osservazionale, non è saltato fuori nulla che ci dia grande preoccupazione, in linea di massima il metabolismo dei lipidi non sembra sia cambiato durante il volo“, afferma Smith. In altre parole, non hanno visto alcuna indicazione che gli esseri umani elaborano il grasso particolarmente più velocemente (o più lentamente) mentre si trovano nello spazio.

Ma ci sono anche altri aspetti che potrebbero influenzare questo studio: uno tra tanti riguarda il motivo per cui gli astronauti non mangiano abbastanza cibo, per esempio.

“Per quanto strano possa sembrare, questa è una delle sfide più grandi che abbiamo: portare gli equipaggi a mangiare abbastanza calorie per mantenere il peso corporeo“, afferma Smith. Il mantenimento del peso nello spazio è stata una sfida per gli astronauti, e in effetti molti di loro sembrano essere abituati all’idea che questo sia un effetto collaterale inevitabile.

“Se tornassi indietro di circa cinque anni fa, molte persone direbbero che tutti perdono peso in volo, ed è solo qualcosa a cui dobbiamo abituarci. Mi sono rifiutato di accettarlo, e ora siamo a un punto in cui ho avuto un certo numero di membri dell’equipaggio che hanno mantenuto il peso, che hanno mangiato bene, e che francamente sono tornati in una forma migliore grazie a ciò”, dice Smith.

Mantenere il peso corporeo richiede molto esercizio serio sei giorni alla settimana sulla ISS, che lavorano muscoli che altrimenti languirebbero in condizioni di bassa gravità, ma significa anche persuadere gli astronauti a mangiare più cibo.

Gli astronauti compilavano questionari una volta alla settimana che descrivevano in dettaglio la loro assunzione di cibo. Ora, grazie a un’app per iPad che invita i residenti della ISS a registrare ogni boccone di cibo che ingeriscono, Smith può vedere la dieta dell’equipaggio in ogni momento. Sa quante calorie stanno mangiando, così come quante proteine, potassio, sodio, calcio, carboidrati, grassi e acqua stanno immettendo nel loro sistema.

Questo ha aiutato Smith a notare uno schema tra gli astronauti che perdono chili, almeno aneddoticamente.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it