pokemon-go-polizia-snorlax-licenziati
Ph. credit: Dexerto

Siamo lontani dai fasti del successo raggiunti durante i primi mesi del lancio di Pokémon GO, ma rimane un gioco tutt’ora molto giocato. Il titolo è continuamente aggiornato e migliorato, soprattutto anche per accomodare i giocatori durante la pandemia. È una valida fonte di svago nonostante i vari gusti delle persone, ma bisogna sempre stare attenti a dove e come si gioca.

Storia recente negli Stati Uniti è di due poliziotti del dipartimento di Los Angeles che forse si sono concentrati troppo sul gioco. I due, per catturare uno Snorlax, hanno finito per ignorare una chiamata per una rapina. Una scelta alquanto discutibile che di fatto ha portato i suddetti a venire licenziati. In realtà il processo in questione ha richiesto diverso tempo, ma alla fine la decisione è stata presa.

 

Pokémon GO: lavorare o giocare

L’evento in questione è stato alquanto particolare. Di fatto non è stata una distrazione momentanea su Pokémon GO, ma una sessione prolungata. I due hanno infatti guidato per oltre 20 minuti nel tentativo di catturare uno Snorlax che durante il periodo incriminato era abbastanza raro, ovviamente non è una scusante, e anche un Togetic.

La sessione di caccia su Pokémon GO risale al 2017, ma soltanto con l’ultimo appello dei poliziotti. Oltre all’aver di fatto ignorato una chiamata, i due hanno guidato e giocato, cosa molto pericolosa e che proprio Niantic ha sempre cercato di scoraggiare. Grazie alle telecamere di bordo e in dotazione alla polizia, sono state raccolte abbastanza prove per portare avanti il provvedimento in questione.