IPTV: abbonamenti beccati a Varese con 1800 utenti, ecco le sanzioniLa Guardia di Finanza ha allegerito la presa durante le recenti festività ma solo per tracciare gli abbonamenti IPTV usati dagli utenti allo scopo di guardare GRATIS i programmi televisivi in streaming. A partire da questo mese, infatti, fioccano le operazioni di contrasto alle conseguenze di un fenomeno che mette in ginocchio l’industria cinematografica e sportiva.

Con effetto immediato oltre 2000 clienti hanno ricevuto la notifica di ingiunzione per uso indebito dei servizi televisivi. Il pezzotto piace ma adesso costa caro con multe che superano ampiamente quota 2000 Euro a testa. Ci si potrebbero fare parecchie sottoscrizioni regolari ma questo è il male minore visto che nel contesto rientra anche la reclusione per visione illegale.

 

IPTV: sappiamo che è illegale ma continuiamo ad usarlo con gravi conseguenze

Le VPN non sono una manna dal cielo e per il nucleo Fiamme Gialle della GdF non è stato difficile scoprirei detentori dei servizi IPTV in Italia. I creatori sono finiti in manette e con essi sono in attivo le nefaste conseguenze per chi guarda. L’AD della Lega Serie A Luigi De Siervo è voluto intervenie a margine degli interventi delle autorità dicendo che:

“L’obiettivo finale che ci siamo posti è l’azzeramento delle trasmissioni illecite, a tutela del nostro prodotto, dei licenziatari e del consumatore che si abbona ai servizi pay perché’ l’industria del calcio non può tollerare questo sottobosco malavitoso che drena risorse al sistema. I recenti provvedimenti emessi da diversi Tribunali, in particolare quello di Milano, ci confermano che stiamo agendo nella giusta direzione e grazie alla stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine abbiamo raggiunto risultati che nessun’altra Lega di calcio in Europa è riuscita ad ottenere negli ultimi mesi”.