IPTV: clamoroso rischio, la multa da 1000 euro arriverà a tutti

Lo streaming IPTV con il ritorno a pieno regime della Serie A in questo mese di Gennaio rappresenta una soluzione sempre a disposizione dei tifosi che desiderano seguire la loro squadra del cuore, senza aver però un regolare abbonamento con DAZN. Già migliaia di italiani nelle scorse settimane hanno scelto questa strada, non prima di effetti collaterali.

 

IPTV e la Serie A gratis su DAZN: sanzioni ora molto alte

La presenza dello streaming illegale assicura a molti appassionati di calcio una grande opportunità di risparmio rispetto ai costi di DAZN, ma anche della combinata tra Sky ed Amazon Prime Video. L’adozione del sistema IPTV è però tutt’altro che esente da rischi.

La cronaca delle ultime settimane parla chiaro. Molti italiani che hanno beneficiato dello strumento dell’IPTV sono stati puniti con sanzioni il cui valore massimo si attesta sui 30mila euro. Per i casi di recidiva è stata inoltre predisposta anche la carcerazione dai sei mesi a tre anni.

Le truffe rappresentano un altro effetto collaterale per la tecnologia IPTV. In rete, su Telegram ma anche su WhatsApp, ci sono molti malintenzionati che vendono finti pacchetti per lo streaming illegale. Dopo aver ricevuto il corrispettivo di un abbonamento annuale, i malintenzionati spesso non garantiscono alcun servizio agli utenti.

Le vie dello streaming illegale si legano in alcuni casi anche con i canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.