Credem, Fineco e Intesa Sanpaolo: la truffa 2022 svuota le carte di credito

I tentativi di phishing ai danni di banche molto famose come Intesa Sanpaolo continuano ad arrivare tramite e-mail. Purtroppo sono tanti gli utenti che ci cascano imputando il problema alla loro banca di appartenenza.

In questo caso Intesa Sanpaolo non c’entra praticamente nulla visto che risulta anch’essa parte lesa.

 

Banche assalite dal tentativo di phishing: Intesa Sanpaolo e Credem in ginocchio per questo messaggio

Credem e Intesa Sanpaolo sono al lavoro con il loro team di avvocati per provare a sbrogliare un problema non di poco conto. Una nuova truffa avrebbe utilizzato i nomi delle due celebri banche per provare a truffare i clienti. L’obiettivo sarebbe quello di proporre un avviso riguardo ad un improvviso blocco dei conti. Non ci sarebbe chiaramente nulla di vero in tutto ciò, dal momento che l’obiettivo primario è quello di ottenere i dati di accesso per i conti correnti.

Gentile Cliente,
Siamo spiacenti di informarvi che abbiamo deciso di sospendere le vostre operazioni sul nostro sito e sulla vostra carta poichè avete ignorato la precedente richiesta di conferma della vostra identità e di attivazione dei servizi DSP2 che è ormai la norma europea.
Per poter riutilizzare la sua carta si prega di confermare le informazioni rilasciate sul nostro sito al momento della sua registrazione.
La procedura può essere completata cliccando sul link sottostante, che la porterà sul nostro sito nella sezione dedicata alle verifiche.
L’aggiornamento di un giorno obbligatorio.
Ti ringraziamo in anticipo per il tempo che ci dedicherai.
Per iniziare:
  CLICCA QUI  
Le ricordiamo che finché la verifica non viene effettuata, lei non sarà in grado di :
  • Effettuare prelievi al bancomat o su POS.
  • Effettuare ricariche.
  • Effettuare pagamenti online o su POS.
  • Effettuare bonifici bancari .