Gli smartphone al giorno d’oggi sono diventati dei dispositivi a dir poco essenziali nella routine di ognuno di noi, i piccoli device tascabili infatti ci consentono di adempiere numerose operazioni, dalle più semplici come postare una foto sui social a quelle più complesse come gestire il nostro conto in banca.

Tutto ciò li porta nel tempo a far transitare un’importante e moli di dati all’interno delle loro memorie i quali alle volte finiscono con l’accumularsi e a portare a un’evidente rallentamento del dispositivo, il quale inizia poi a diventare decisamente meno scattante rovinando così l’esperienza d’uso del suo proprietario.

Si tratta di un processo fisiologico ma con un esito patologico il quale può rendere l’esperienza d’uso davvero frustrante portando le volte gli utenti più inesperti a sostituire il proprio device anche se magari non troppo antiquato.

 

Come ripulire completamente uno smartphone

Se dunque anche voi vi foste resi conto che il vostro smartphone ormai troppo saturo di dati eccovi una breve guida per poterlo ripulire completamente in pochi passi.

Innanzitutto spegnere il dispositivo e rimuovete la microSD e la SIM, dopodiché riaccendetelo con la combinazione tasti premuta Power e volume più, così facendo lo smartphone accederà al recovery menù, all’interno del quale spostandovi con i tasti volume, dovrete selezionare utilizzando il tasto Power le voci wipe data factory reset e wipe dalvik cache.

Una volta selezionate le 2 voci, selezionate la voce reboot, così facendo il vostro Smartphone si riavvierà e al termine di quest’ultimo noterete che esso è tornato ad uno status identico a quello di quando si trovava nella confezione con la conseguente eliminazione di ogni dato superfluo presente prima.