diesel elettrico

La start-up russa L-charge prevede di portare i suoi compressori mobili per veicoli elettrici a Londra nel 2022, sperando di beneficiare della crescente domanda e della limitata infrastruttura di ricarica, ha detto a Reuters il fondatore dell’azienda.

I caricabatterie montati su camion dell’azienda funzionano a gas naturale liquefatto (GNL), idrogeno o una miscela dei due e non hanno bisogno di essere collegati a una rete elettrica. Ci vogliono 5-7 minuti per caricare l’80% della batteria di un veicolo elettrico, ha detto Dmitry Lashin in un’intervista.

Lashin ha affermato che la sua azienda gestisce l’unico compressore mobile al mondo che utilizza GNL/idrogeno, che opera a Mosca, dove riceve da cinque a sei richieste di ricarica al giorno dai 1.000 veicoli elettrici della città.

Le vendite di veicoli elettrici sono aumentate a livello globale con la crescita della domanda di alternative alle auto diesel e benzina, ma c’è un ritardo in termini di fornitura di punti di ricarica.

L-charge di proprietà privata ha raccolto 1,5 milioni di dollari a settembre e sta cercando un partner che la aiuti ad aumentare la produzione a 2.000 dispositivi mobili e fissi all’anno.

Lashin ha detto che L-charge è vicino alla fine della produzione di altri due compressori. L’unità di Londra sarà accessibile tramite un’app.

Sono decisamente meno inquinanti rispetto il Diesel

I caricabatterie alimentati a GNL emettono tre volte meno CO2 per 100 chilometri rispetto alle auto diesel, ma più dei caricabatterie connessi alla rete in Europa, dove L-charge intende dominare dopo Londra, ha affermato Lashin.

Sono anche più costosi per i clienti. I caricabatterie L mobili costeranno circa 0,80 centesimi di euro per kilowatt all’ora, ha affermato Lashin, che secondo lui è circa 1,5-2 volte più caro delle opzioni esistenti.

Ma l’obiettivo di L-charge è aumentare l’utilizzo delle auto elettriche, ha affermato Lashin, ed espandere quella che vede come l’infrastruttura di ricarica di Londra.

La Gran Bretagna ha circa 705.000 veicoli plug-in, 365.000 dei quali completamente elettrici, come mostra la piattaforma ZAP-MAP per i conducenti di auto elettriche. Dei 28.000 dispositivi di ricarica pubblici, più di 9.000 si trovano nella Greater London.

Il problema con le auto elettriche è che anche se hai il 98% della batteria piena, la metti comunque in carica“, ha detto Lashin. “Di conseguenza tutti gli slot sono occupati e nessuno sta caricando”.

Se prodotto in serie, il caricabatterie mobile costerà circa 200.000 euro e caricherà circa 25 veicoli elettrici al giorno, ha affermato Lashin.