Dopo il CES virtuale dell’anno scorso, partecipare al prossimo di persona sembrava (inizialmente) possibile. Tuttavia, una nuova variante di COVID-19 ha iniziato a fare il giro del mondo. Il CES 2022 si svolgerà dal 5 all’8 gennaio a Las Vegas. Google è solitamente contrario agli eventi virtuali, ma ha recentemente confermato che se necessario terrà il proprio evento da remoto per salvaguardare la salute di tutti.

Un portavoce di Google ha confermato che la società non sarà presente in sala, a causa delle preoccupazioni sulla diffusione della variante Omicron. “Dopo un’attenta valutazione, abbiamo deciso di non essere lì di persona per il CES 2022. Abbiamo seguito da vicino lo sviluppo della variante Omicron e abbiamo deciso che questa è la scelta migliore per la salute e la sicurezza dei nostri team. Continueremo a collaborare strettamente sia con il CTA che con i nostri partner per identificare e supportare le soluzioni virtuali migliori. Non vediamo l’ora di condividere le ultime innovazioni di Google con tutti”.

Google non si ritira dal CES 2022 ma conferma che non sarà più presente di persona

Altre società che si sono ritirate dal CES negli ultimi giorni sono T-Mobile, Amazon, Meta e Twitter. Secondo quanto riferito, altre aziende stanno monitorando la situazione, ma non hanno ancora annullato i loro eventi. Il MWC nel 2020 è stato annullato per ragioni simili. Il CES potrebbe fare la stessa fine se tutte le aziende coinvolte decidono di preferire le modalità a distanza per presentare i nuovi prodotti.

Il CTA preferirebbe che gli eventi avessero luogo di persona. Infatti, ritiene che non sia poi così impossibile se si è vaccinati, attenti alle norme igieniche e adottando le misure di sicurezza necessarie. Tuttavia, data la velocità con cui si sta diffondendo la variante omicron e quanto sfocato appare il panorama sulla nuova variante, molte aziende non se la sentono. Si corre il rischio di contagiarsi e contagiare anche gli altri.