Uno dei servizi telefonici maggiormente messo in discussione fin dalla sua nascita è senza ombra di dubbio il roaming, quest’ultimo serviva e serve tuttora a coloro che si muovono all’estero, di poter usufruire delle proprie promozioni accasandosi sulle rete telefoniche di quel paese, fattore che in passato però esponeva a costi di “affitto” decisamente esorbitanti, usare i dati infatti obbligava a pagare decisamente un costo esagerato.

Tutto ciò è andato avanti fino a qualche anno fa, quando la Commissione Europea ha deciso di avviare il progetto Roaming Zero, il quale all’interno dell’Unione Europea ha permesso a tutti i residenti di muoversi e di non pagare alcun costo di Roaming, ovviamente restando all’interno di soglie dati che variavano in base al prezzo della promozione che ogni utente fruiva.

Tutto ciò pare però far parte di un progetto decisamente più ampio, infatti l’Europa mira ad abbassare ancora di più il costo da dover pagare una volta superata la soglia di Giga disponibile, essa è attualmente fissa a 3 euro per ogni giga oltre i limite utilizzato.

 

Cosa cambia da Gennaio 2022

A partire da Gennaio 2022 il costo da dover pagare una volta superato il limite di roaming gratuito arriverà a 2,50 euro scendendo dunque di 50 centesimi dal costo iniziale, variazione che non finisce qui, infatti l’Europa mira ad abbassare il prezzo ad un euro per giga utilizzato entro il 2027.

Ciò però non si traduce in un semplice abbassamento di prezzo, quest’ultimo infatti porterà anche ad un aumento dei giga fruibili gratuitamente, dal momento che il numero è regolato da una formula empirica che dipende proprio dal prezzo, eccola qui:

Gigabyte disponibili all’estero = (Importo della tariffa mensile nazionale / 2,5(Costo extra per giga extra)) x 2

Se dunque al denominatore il valore diminuisce, il risultato aumenta, ergo aumentano i giga, di certo un ottima notizia per i clienti.