benzina aumenti

Una conferenza globale sull’energia dedicata alle tecnologie future e alle strategie a basse emissioni di carbonio è iniziata lunedì a Houston con i massimi dirigenti delle compagnie energetiche che hanno affermato la necessità di possedere piu’ quantita’ di petrolio per i decenni a venire.

I quattro giorni di discussione della World Petroleum Conference sono iniziati con gli amministratori delegati dei colossi globali Exxon Mobil Corp, Saudi Aramco e Halliburton Co, che hanno promosso la necessità di fornire petrolio e gas a livello globale anche mentre il mondo passa a combustibili più puliti.

La domanda mondiale di combustibili fossili è rimbalzata bruscamente nel 2021, con il gas naturale già ai livelli pre-pandemia e il petrolio vicino ai livelli raggiunti nel 2019. Poiché la domanda è aumentata vertiginosamente, le economie in Europa e in Asia hanno dovuto affrontare carenze di fornitura di energia e riscaldamento, costringendole a lottare per il carburante o limitare la domanda e i prezzi sono aumentati. Allo stesso tempo, numerosi grandi paesi produttori di petrolio non sono stati in grado di tenere il passo con gli obiettivi di produzione.

Il mondo sta affrontando una transizione energetica ancora più caotica“, ha affermato Amin Nasser, CEO di Saudi Aramco. “Molti presumono che sia in atto la giusta strategia di transizione. Non lo è. La sicurezza energetica, lo sviluppo economico e l’accessibilità economica non stanno chiaramente ricevendo sufficiente attenzione. Fino a quando non lo saranno e non elimineremo le lacune nella strategia di transizione, il caos non farà che intensificarsi“.

Un passo che bisogna fare tutti insieme

Le grandi major globali, in particolare quelle con sede in Europa, stanno limitando l’esplorazione e la produzione nel tentativo di passare allo sviluppo di energia rinnovabile e i governi promuovono sforzi per ridurre le emissioni di carbonio per far fronte all’aumento delle temperature mondiali.

Anders Opedal, CEO della norvegese Equinor, ha affermato che le società energetiche hanno la responsabilità di ridurre le emissioni e fornire energia. “Avremo bisogno di petrolio e gas per molti anni a venire, ma con emissioni ridotte“, ha affermato.

Exxon ha annunciato lunedì i piani per ottenere emissioni nette di gas serra pari a zero dalle attività gestite nel bacino del Permiano statunitense entro il 2030, come parte di un piano per ridurre l’intensità delle emissioni di gas serra a monte dal 40% al 50% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2016 .

Rimane il fatto che, negli scenari più credibili, compresi i percorsi dello zero netto, petrolio e gas naturale continueranno a svolgere un ruolo significativo nel soddisfare le esigenze della società“, ha affermato il CEO di Exxon Darren Woods alla conferenza.

Le major petrolifere devono “fare un passo avanti” ed essere parte della soluzione climatica, ha affermato David Turk, vice segretario all’Energia degli Stati Uniti. “I first mover avranno vantaggi significativi”.

Ha anche affermato che Washington non “ostacolerà” le aziende disposte ad aumentare la produzione nazionale di petrolio mentre l’industria cerca di riprendersi completamente.