polestar volvo

Volvo e Polestar lanceranno nuovi SUV il prossimo anno, e le due auto condivideranno la stessa architettura. Una ricetta leggermente diversa verrà applicata per un’altra coppia di veicoli, che saranno posizionati nel mercato di fascia bassa.

In un nuovo articolo, Autocar afferma che Volvo utilizzerà la nuova piattaforma SEA di Geely come base per il suo piccolo crossover elettrico. La prima applicazione di quell’architettura “open-source” è stata per il Zeekr 001 dalla Cina, che fa scegliere tra 2 pacchi batteria: uno da 86 kWh o 100 kWh. Se questo potesse essere usato come riferimento, il prossimo crossover di Volvo potrebbe beneficiare della tecnologia a lungo raggio che fornisce fino a 435 miglia per carica.

Non si sa molto altro sul nuovo modello, anche se le capacità di ricarica dello 001 potrebbero essere utilizzate come punto di partenza in termini di ciò che potrebbe offrire il piccolo crossover svedese. L’auto cinese può caricare con velocità impressionanti fino a 360 kW, afferma la casa automobilistica, il che significa che è possibile aggiungere 100 km di autonomia in circa cinque minuti. Tuttavia, il suo propulsore a doppio motore da oltre 500 cavalli rimarrà probabilmente esclusivo.

Un aspetto familiare

Per quanto riguarda il nuovo crossover Polestar, secondo quanto riferito sarà posizionato tra Polestar 2 e Polestar 3 in termini di dimensioni e sarà commercializzato come un’offerta più economica rispetto al SUV di punta. Sarà caratterizzato da una linea del tetto inclinata simile a quella della Polestar 3, ma siederà più in basso rispetto al suolo. Le linee curve non “comprometteranno molto” l’interno, come ha spiegato il capo di Polestar Thomas Ingenlath.

Secondo indiscrezioni infine, questo nuovo crossover Polestar sarà meccanicamente correlato alla Volvo C40 Recharge, il che significa che sarà basato sulla piattaforma CMA. Se i numeri sono gli stessi del C40, aspettati di vedere batterie da 64 kWh o 78 kWh e propulsori a motore singolo o doppio.