apple-prende-pausa-produzione-iphone-prima-volta-decennio

Quest’anno si è parlato diverse volte dei problemi della catena di approvvigionamento nel settore tecnologico, ma sembra che Apple sia stata colpita ancora più duramente di quanto pensassimo. Questo poiché a quanto pare la società ha dovuto sospendere l’assemblaggio di iPhone e iPad per diversi giorni a ottobre.

Questo è un grosso problema poiché non è solo la prima volta che Apple ha smesso di creare iPhone in quasi un decennio, ma è successo anche in un momento in cui la produzione sarebbe normalmente aumentata, non ridotta.

Apple è stata costretta da vari fattori

Tutto questo secondo Nikkei, che ha condotto un’indagine approfondita sull’argomento e sostiene che la chiusura sia avvenuta all’inizio di ottobre. Questo è il periodo dell’anno in cui i fornitori di Apple aumentano regolarmente la produzione di iPhone a 24 ore al giorno, poiché coincide con il rilascio di nuovi modelli e l’inizio delle festività natalizie (con la Golden Week in Cina seguita dal Natale in gran parte del resto del mondo, la domanda aumenta vertiginosamente).

Cosa è andato storto? Alla fine, è stata una combinazione di fattori, tra cui una continua scarsità di chip e limitazioni impreviste del consumo di energia in Cina. Questi limiti sono stati imposti a causa delle emissioni che superano gli obiettivi ambientali e dell’aumento dei prezzi del carbone, ma a quanto pare sono stati attuati con solo un giorno di preavviso o meno.

Al momento, sappiamo che la società ha ridotto la produzione di iPad per soddisfare l’altissima richiesta di iPhone 13 e produrre più pezzi per il nuovo smartphone arrivato sul mercato. Attualmente, sembra che la richiesta sia così elevata che i tempi di attesa sono aumentati sempre di più da quando il device è stato rilasciato ufficialmente.