appDa quando esistono gli smartphone esistono anche applicazioni a pagamento, o con acquisti in-app, in continuo aumento. Negli ultimi anni la situazione è cambiata radicalmente, soprattutto a causa della pandemia. Apparentemente, nel 2021 sono stati spesi 133 miliardi di dollari in applicazioni e acquisti in-app, un aumento considerevole rispetto allo scorso anno.

Un nuovo rapporto di SensorTower fa luce su quanti soldi gli utenti stiano effettivamente spendendo per applicazioni premium e abbonamenti di ogni genere. Entro la fine dell’anno, gli utenti di Google Play avranno sborsato circa 47,9 miliardi di dollari, rispetto ai 38,8 miliardi di dollari del 2020. Si tratta di una crescita annua del 23,5%.

Incassi applicazioni, acquisti in-app e videogiochi: spesi 133 miliardi nel 2021

Per quanto riguarda l’Apple, l’App Store ha incassato 85,1 miliardi di dollari nel 2021, rispetto ai 72,3 miliardi di dollari nel 2020. L’app che guadagna di più su Google Play è Google One: 15 GB di spazio di archiviazione gratuito su Drive non sono sufficienti per la maggior parte degli utenti. Subito dopo ci sono Piccoma (un servizio di abbonamento per i manga giapponese) e Disney+. Sull’Apple Store, invece, l’app con il maggior incasso è TikTok, al quarto posto su Android.

Non abbiamo ancora parlato di videogiochi nello specifico. Non sorprende che rappresentino la maggior parte delle entrate negli app store. Gli utenti hanno speso 37,3 miliardi di dollari in videogiochi tramite Google Play, ovvero il 77,87% di tutti gli acquisti. I giochi con maggior incasso sulla piattaforma includono Coin Master, Garena Free Fire e Genshin Impact. Morale? Potresti pensare che quelle skin per i tuoi personaggi/armi preferite siano stupide, probabilmente lo sono e ne siamo tutti consapevoli. Tuttavia, chi li ha progettati sta rotolando nell’oro in questo preciso momento.