aumenti benzina

Le politiche dei produttori di energia” sono responsabili dell’aumento dei prezzi della benzina, del gas e dell’elettricità in Europa, ha detto il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia in un evento del settore questa settimana, in un’altra scaglia contro i produttori di combustibili fossili in generale e la Russia in particolare.

Inoltre, non per la prima volta, Fatih Birol dell’AIE ha affermato che la crisi energetica dell’Europa non ha nulla a che fare con la transizione alle energie rinnovabili. Come prima, Birol non ha fornito alcuna spiegazione sul perché ritenesse che la crisi non avesse nulla a che fare con il passaggio alle rinnovabili. Era “sbagliato“, ha detto come citato da Bloomberg, dire che i picchi di prezzo erano il risultato di questo cambiamento.

Gli scioperi contro gli esportatori di energia e la Russia sono diventati un evento normale per Birol. All’inizio di quest’anno, ha affermato che la Russia potrebbe inviare più gas in Europa e quindi “sottolineare le sue credenziali come fornitore affidabile per il mercato europeo”. Per inciso, in quella stessa dichiarazione, Birol non ha perso l’occasione di dire che le rinnovabili non hanno nulla a che fare con la crisi energetica.

“I recenti aumenti dei prezzi globali della benzina sono il risultato di molteplici fattori, ed è impreciso e fuorviante attribuire la responsabilità alla porta della transizione verso l’energia pulita”, ha affermato a ottobre, sempre senza fornire alcuna motivazione alla base di questa affermazione.

Ci vorrebbero piu’ eoliche?

Uno dei più grandi produttori di turbine al mondo, la danese Vestas, all’inizio di questo mese ha tagliato le sue prospettive di performance finanziaria per quest’anno, citando i continui vincoli della catena di approvvigionamento, i costi più elevati e la velocità del vento più bassa che ha portato a una minore produzione di elettricità dai parchi eolici .

Anche Vestas non era l’unico. Anche il suo collega Orsted ha messo in guardia sui risultati finanziari del 2021, citando anche “Oneri aggiuntivi che derivavano da condizioni del vento inferiori alla media nelle località dei parchi eolici onshore nell’Europa settentrionale e centrale”.

In altre parole, i due maggiori produttori di turbine eoliche del mondo “incolpano” apertamente la produzione di parchi eolici inferiore per i loro profitti annuali, ma il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia sembra non vedere alcun legame tra questa produzione di parchi eolici e la carenza di energia che l’Europa sta vivendo da settembre.

“I recenti picchi di prezzo del gas naturale non hanno ottenuto buoni voti da milioni di consumatori in tutto il mondo, compresa l’Europa“, ha detto Birol in un riferimento velato alla Russia. “Non sono sicuro che gli attuali prezzi del gas vadano a vantaggio dei produttori di gas”.