nasa missile spacexCon l’ultimo lancio dei satelliti Internet Starlink in orbita attorno al pianeta, SpaceX ha stabilito un nuovo record di lanci nello spazio in un anno solare.

Falcon 9, decollato in Florida nei giorni scorsi, ha segnato il 27esimo lancio con successo per la compagnia di Elon Musk. Con tutti questi lanci di successo, Musk controlla oltre il 36% di tutti i satelliti attivi in ​​orbita, secondo i dati di CelesTrak. Il progetto Starlink di SpaceX mira a lanciare una vasta rete di satelliti delle dimensioni di un tavolo intorno alla Terra per trasmettere Internet ad alta velocità nell’intero pianeta.

Ci sono più di 1.750 satelliti Starlink attivi in ​​orbita, sebbene SpaceX stia ancora puntando a 42.000 satelliti in totale. Sono previsti altri cinque lanci entro la fine dell’anno. Il prossimo è previsto per il 9 dicembre. Musk ha affermato che la rete Starlink fornirà “una copertura quasi globale”, ma servirà principalmente le zone rurali e isolate che sono scarsamente servite dalle infrastrutture convenzionali. L’impresa ha già affrontato alcune critiche. Questa grande costellazione di satelliti mai vista potrebbe rivelarsi “estremamente impattante” per i progressi scientifici.

SpaceX ha anche stilato un accordo multimiliardario con la Nasa all’inizio di quest’anno, battendo Blue Origin. Tuttavia, Musk ha avvertito questa settimana che l’azienda rischia il fallimento se il suo razzo Starship di prossima generazione non sarà in grado di eseguire lanci regolari nel 2022. “Finora c’è stato solo un lancio e un atterraggio ad alta quota di successo con Starship. L’obiettivo a lungo termine è quello di produrre in serie la navicella spaziale e usarla per trasportare persone e merci intorno al Sistema Solare, stabilendo infine una colonia umana permanente su Marte”. Ben oltre il progetto di fornire “solo” Internet a tutta velocità con Starlink.