coronavirus

La variante Omicron del Covid-19 e’ presente in Europa da almeno 10 giorni e sembra già diffondersi nei Paesi Bassi e nelle zone limitrofe.

Abbiamo trovato la variante del coronavirus Omicron in due campioni di test che sono stati prelevati il ​​19 e il 23 novembre“, ha dichiarato martedì il ministero della salute olandese. “Non è ancora chiaro se queste persone abbiano visitato anche l’Africa meridionale” ha infine aggiunto.

La prova che la variante Omicron era arrivata in Europa prima di quanto precedentemente noto è arrivata quando Anthony Fauci, il principale consigliere medico del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha affermato che il conteggio dei casi di variante di Omicron ha raggiunto 226 in 20 paesi, sebbene non fosse ancora stato rilevato in gli Stati Uniti.

Fauci ha aggiunto che, nonostante l’emergere della nuova variante, le prove provenienti dal Sud Africa, dove Omicron è stato identificato per la prima volta la scorsa settimana, finora non hanno suggerito alcun sintomo insolito associato ad essa, sebbene non fosse chiaro se potesse portare a una malattia più grave.

La preoccupazione per Omicron ha spinto 56 paesi a emettere restrizioni di viaggio relative alla variante. Tuttavia, in un nuovo avviso emesso martedì, l’Organizzazione mondiale della sanità ha messo in guardia i paesi dall’imporre divieti di viaggio “coperta“, ma ha consigliato a coloro che non stanno bene, a coloro che hanno condizioni che potrebbero portare a un peggioramento e agli over 60 di non viaggiare.

Le misure di prevenzione

Avvertendo che i divieti generali non impedirebbero la diffusione della malattia e avrebbero un impatto sui mezzi di sussistenza, l’organismo sanitario globale delle Nazioni Unite ha invece consigliato: “Le misure possono includere lo screening dei passeggeri prima del viaggio e/o all’arrivo e l’uso di SARS-COV-2 test o quarantena dei viaggiatori internazionali dopo un’attenta valutazione dei rischi”.

L’annuncio olandese confonde ulteriormente la cronostoria della nuova variante in Europa. In precedenza, i Paesi Bassi avevano affermato di aver trovato la variante tra i passeggeri venuti dal Sudafrica venerdì, ma i nuovi casi sono precedenti.

L’istituto di ricerca olandese RIVM ha dichiarato di aver trovato Omicron in campioni risalenti al 19 e 23 novembre. Questi risultati sono anteriori ai casi positivi che hanno coinvolto la variante riscontrata in almeno 14 passeggeri di ritorno dal Sudafrica venerdì scorso e testati all’aeroporto di Schiphol, ad Amsterdam.

A ulteriore indicazione che la variante di Omicron potrebbe essere già trasmessa in Europa, le autorità tedesche hanno affermato di aver riscontrato un’infezione da Omicron in un uomo che non era stato all’estero né aveva avuto contatti con nessuno che lo fosse.

Nonostante le preoccupazioni in tutto il mondo, i medici in Sud Africa hanno riferito che finora i pazienti soffrono per lo più sintomi lievi, ma avvertono che è presto. Inoltre, la maggior parte dei nuovi casi riguarda persone tra i 20 e i 30 anni che generalmente non si ammalano di Covid-19 quanto i pazienti più anziani.

Poiché i paesi hanno rivelato casi sparsi di Omicron, dalla Scozia a Hong Kong, Giappone e Francia e Italia, il comportamento della variante sembrava seguire modelli precedenti di dispersione e identificazione che hanno costretto le autorità sanitarie a correre per recuperare il ritardo, con la maggior parte dei casi correlati per viaggiare in Africa meridionale.