vaccini

Nuovi studi di Eurosurveillance hanno gettato luce su infezioni, casi gravi e decessi evitati dalla vaccinazione COVID-19, suggerendo che le dosi avrebbero salvato circa 470.000 persone di 60 anni soprattutto in Europa, con una stima di 445.000 infezioni, 79.000 ricoveri, 9.800 ricoveri in terapia intensiva, dove solo in Italia potevano essere evitati 22.000 decessi in meno.

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha stimato il numero di persone di età pari o superiore a 60 anni salvate dalla vaccinazione COVID-19 nei 33 paesi della regione europea dell’OMS dal lancio del vaccino nel dicembre 2020 al novembre 2021. Entro l’8 novembre, l’80% degli europei di età pari o superiore a 60 anni era completamente vaccinato e l’84% aveva ricevuto almeno una dose.

Gli autori dello studio hanno notato che più di 1,5 milioni di persone nella regione europea dell’OMS, il 90,2% delle quali di età pari o superiore a 60 anni, sono morte dall’inizio della pandemia nel dicembre 2019.

Poco più della metà delle stimate 469.186 vite salvate (55,7%) erano in quegli 80 anni e più (range, da 129.851 a 733.744). Un’analisi di sensibilità all’efficacia della vaccinazione ha stimato che tra il 23-62% dei decessi totali è stato prevenuto.

Italia tra i primi paesi

I ricercatori hanno stimato che la maggior parte delle persone è stata salvata nei paesi in cui i vaccini COVID-19 sono stati introdotti precocemente e la diffusione tra le persone di età pari o superiore a 60 anni è stata elevata, mentre i paesi con un lento lancio di vaccini o campagne di vaccinali sono stati lanciati in tandem con interventi non farmaceutici ha visto effetti limitati.

In un comunicato stampa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), Hans Henri Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa, che non è stato coinvolto nello studio, ha definito i vaccini COVID-19una meraviglia della scienza moderna”.

In alcuni paesi, il bilancio delle vittime sarebbe stato il doppio di quello che è ora senza i vaccini”, ha detto Kluge. “È quindi di fondamentale importanza che tutti gli Stati membri della regione europea raggiungano un’elevata copertura per le persone nei gruppi a rischio il prima possibile, ma i vaccini devono essere accompagnati da una serie di misure preventive per mantenere bassi i livelli di trasmissione e mantenere la società aprire.”

Anche nei paesi con un’elevata copertura vaccinale, alcune sottopopolazioni e gruppi di età hanno ancora tassi di vaccinazione bassi, ha affermato nel comunicato il direttore dell’ECDC Andrea Ammon che non è stato coinvolto nello studio. “Le conseguenze dei bassi tassi di vaccinazione in alcuni paesi si stanno attualmente riflettendo in sistemi sanitari sovraccarichi e alti tassi di mortalità“, ha affermato. “La vaccinazione dei gruppi di età più avanzata deve continuare a essere una priorità urgente per salvare il maggior numero di vite nelle settimane e nei mesi a venire”.

La vaccinazione ha prevenuto circa il 71% dei decessi tra le persone di 80 anni e più, il 18% tra i 70 e i 79 anni, l’8% tra i 60 e i 69 anni e il 2% tra quelli di età inferiore ai 60 anni.

Senza la vaccinazione, da luglio a settembre, il tasso di mortalità previsto per gli 80 anni e oltre sarebbe stato di 224 per 100.000, rispetto al tasso osservato di 32 per 100.000. La differenza più bassa tra il tasso di mortalità atteso e osservato era nell’Europa meridionale e nei paesi insulari (157 contro 52 per 100.000), mentre la differenza maggiore era nell’Europa centrale (332 contro 27 per 100.000).