moneta antica

La moneta, che ha all’incirca le dimensioni di un nichelino, è stata scoperta “durante gli scavi di questa stagione” presso il sito storico provinciale della piantagione di Cupids Cove.

Cupids Cove Plantation è uno scavo archeologico attivo sul sito di una colonia fondata nel 1610, il primo tentativo di insediamento inglese permanente in quello che sarebbe poi diventato il Canada, secondo il National Trust of Canada.

Gli archeologi si sono consultati con Paul Berry, l’ex curatore del Museo della valuta della Bank of Canada, che ha stabilito che la moneta è conosciuta come mezza semola di Enrico VII.

Una rara moneta d’argento inglese è stata recentemente scoperta nel sito storico provinciale della piantagione di Cupids Cove. È probabilmente la più antica moneta inglese mai trovata in Canada, e forse in tutto il Nord America.

Le parole del Ministro del Turismo

“È incredibile immaginare che questa moneta sia stata coniata in Inghilterra e sia andata persa negli Amorini più di cento anni dopo”, ha dichiarato in una nota Steve Crocker, ministro del turismo della provincia. “Collega la storia della prima esplorazione europea nella provincia e l’inizio dell’insediamento inglese”.

Il ministero della cultura, delle arti e della ricreazione della provincia ha affermato che il manufatto “è probabilmente la più antica moneta inglese mai trovata in Canada, e forse in tutto il Nord America”.

Una moneta elisabettiana, datata 1560-1561, è stata dissotterrata nello stesso sito 20 anni fa. A quel tempo, la moneta era considerata la più antica moneta inglese mai trovata nel paese.

Gli esperti dicono che la mezza semola appena dissotterrata ha circa 60 anni in più e sarebbe stata in circolazione per almeno 111 anni prima di essere persa a Cupidi.

“Alcuni artefatti sono importanti per quello che ci raccontano di un sito, mentre altri sono importanti perché stimolano l’immaginazione. Questa moneta è sicuramente una delle ultime”, ha dichiarato in una nota William Gilbert, supervisore del sito e capo archeologo.

“Non si può fare a meno di chiedersi il viaggio che ha fatto, e quante mani deve aver attraversato dal momento in cui è stato coniato a Canterbury fino a quando è stato perso negli Amorini all’inizio del XVII secolo”, ha aggiunto, chiamando il scoperta “una scoperta importante”.

La moneta è attualmente in fase di analisi e dovrebbe essere esposta il prossimo anno.