I ricercatori hanno scoperto le misteriose proprietà della perovskite, il cosiddetto “materiale miracoloso“.

Utilizzando nuove tecniche, gli scienziati dell’Università di Cambridge sono stati in grado di capire perché la struttura disordinata della perovskite ne aumenta effettivamente le prestazioni. I materiali in perovskite sono emersi negli ultimi anni come un’alternativa promettente alle strutture convenzionali a base di silicio. Infatti, il nuovo materiale ha il potenziale per essere più efficiente nel trasformare l’energia solare in elettricità, oltre che più economico da produrre.

L’ultima ricerca ha visto il Cavendish Laboratory di Cambridge collaborare con la struttura di Diamond Light Source a Didcot e l’Okinawa Institute of Science and Technology in Giappone per sperimentare diverse tecniche per comprendere meglio la perovskite. “Facciamo qualcosa chiamato microscopia multimodale, ossia un modo molto elegante per dire che osserviamo lo stesso campione con più microscopi diversi. Fondamentalmente cerchiamo di correlare le proprietà che estraiamo da uno con le proprietà che estraiamo da un altro”.

Perovskite: il nuovo materiale misterioso più efficiente e più economico del silicio

“Quello che vediamo è che abbiamo due forme di disturbo che si verificano in parallelo. Il disordine elettronico associato ai difetti che riducono le prestazioni e il disordine chimico spaziale che sembra migliorarle. Quello che abbiamo scoperto è che il disturbo chimico – quello “buono” in questo caso – mitiga il disturbo “cattivo”. La perovskite può anche essere sintetizzata in laboratorio. Inoltre, ha il potenziale per trasformare una varietà di campi. Questo materiale può trasformare radicalmente tutto, dall’energia solare alla velocità di Internet. Potrebbe essere la chiave per comunicazioni ultraveloci.

Uno studio del 2017 ha rilevato che potrebbe aumentare la velocità di elaborazione e della connessione Internet fino a 1.000 volte. “Ora possiamo esaminare altri tipi di perovskiti che non sono utili solo per i pannelli solari ma anche per LED o rilevatori”. Il professore di scienza dei materiali Z. Valy Vardeny dell’Università dello Utah lo ha descritto come “incredibile, un miracolo” già nel 2017.