huawei

Se non hai ancora familiarità con Huawei, ora è forse il momento di mettersi al passo. Il produttore produce una vasta gamma di elettronica di consumo ed è uno dei più grandi marchi di elettronica al mondo.

Da poco sono usciti i nuovi Freebuds, gli auricolari arrivati alla loro quarta generazione, di cui c’e’ molto di cui discutere. Per cominciare, la configurazione è straordinariamente semplice, qualcosa che oggigiorno ci aspettiamo dall’elettronica di consumo di qualità. Con un design “open in-ear” (cioè senza punte in silicone) le FreeBuds con finitura argentata e metallica scivolano comodamente nelle orecchie con un design adatto a tutti.

Sono sorprendentemente sicure, anche se forse non sono adatte per un’attivita’ intensa, e ci sono altre opzioni disponibili nella gamma Huawei per gli sportivi.

Specifiche dei nuovi auricolari

Huawei afferma che i FreeBuds 4 sono “quasi senza peso” con una massa di circa 4,1 grammi ciascuno. Dopo averli fatti entrare per un paio di minuti, ti dimenticherai praticamente che ci sono. Per ottenere i migliori risultati, nisogna scaricare l’app Huawei AI Life e controllore direttamente dal dispositivo le impostazioni relative alla qualità del suono.

Una volta sincronizzati con il telefono e il computer, i controlli touch sono facili e intuitivi. Anche il rilevamento automatico è un’ottima funzionalità e metterà in pausa la tua musica nell’istante in cui un auricolare viene rimosso da un orecchio, riprendendo quando viene re-inserito.

Gli auricolari incorporano anche l’Active Noise Cancelling 2.0 di Huawei. La cancellazione del rumore negli auricolari di tipo “bud” è una sfida a causa della realtà fisica, in particolare in assenza di punte in silicone, per ovvie ragioni. Senza coprire l’orecchio, i suoni esterni possono “fuoriuscire” dal dispositivo e disperdersi nell’orecchio.

Le FreeBuds 4 superano questa sfida con l’Active Noise Cancelling (ANC). In effetti, questo è un approccio hardware/software che identifica il suono esterno e poi lo cancella, piuttosto che semplicemente escluderlo del tutto come con le cuffie over-ear.