Home Motori Stellantis da record: la fusione tiene la crisi di mercato e la...

Stellantis da record: la fusione tiene la crisi di mercato e la mancanza di chip

Stellantis riesce ad andare in positivo nonostante la crisi dei chip e le difficolta' delle case produttrici nella vendita

stellantis

Stellantis, il colosso automobilistico nato dalla fusione di Peugeot e Fiat Chrysler, a ottobre ha rovesciato Volkswagen dalla vetta della classifica delle vendite dell’Europa occidentale, anche se è stato davvero difficile contrastare la crisi causata dalla carenza di chip.

Stellantis, creata a gennaio e che riunisce marchi come Peugeot, Citroen, Opel/Vauxhall, Fiat, Jeep, Lancia, Chrysler, DS. E Alfa Romeo, è riuscita a mantenere il calo delle vendite a meno 31,9% a 155.539 in ottobre rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo l’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA)

Volkswagen e i suoi marchi, tra cui VW, Audi, Skoda, SEAT, Porsche, Bentley, Lamborghini, hanno visto crollare le vendite del 24,8% nel mese a 147817. Ciò non aiuterà il CEO di VW, Herbert Diess, attualmente sotto pressione dal sindacato della società che si oppone ai suoi piani di lui per rendere VW più efficiente.

Complessivamente, le vendite nell’Unione Europea sono scese del 30,3% a 665.001 per il quarto mese consecutivo di calo.

Per i primi 10 mesi dell’anno, le vendite sono aumentate del 2,2% a 8,2 milioni, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. VW ha mantenuto il suo solido vantaggio complessivo per il periodo di 10 mesi con una quota del 25,1% rispetto al 21,3% di Stellantis.

Le parole della societa’ tedesca

Mercoledì, il gruppo Volkswagen ha dichiarato che non costruirà veicoli elettrici questa settimana nei suoi stabilimenti di Zwickau e Dresda, in Germania, a causa della mancanza di chipset. VW si è concentrata sulle auto alimentate a batteria durante la crisi dei chip e questo è il primo arresto elettrico.

Questa settimana Ford ha affermato che continua a perdere con la produzione in Europa a causa della carenza di semiconduttori, con tre dei quattro stabilimenti automobilistici che hanno segnalato arresti o rallentamenti.

Nel frattempo le previsioni di vendita per il 2021 vengono ridotte. Forecaster LMC Automotive ha tagliato la sua previsione per l’Europa occidentale per il 4 mese consecutivo e ora prevede un calo complessivo del 3,6% per il 2021. LMC aveva previsto un sano aumento del 9,6% per l’anno fino a luglio. Aveva una prospettiva cupa per il breve termine.

Si prevede che le vendite in Europa occidentale aumenteranno del 7,8% l’anno prossimo. L’Europa occidentale comprende i grandi mercati di Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Spagna.