apple-storico-passo-avanti-riparare-iphone-casa-tua-non-soloApple permetterà ufficialmente di riparare i propri iPhone in autonomia per la prima volta in assoluto. Il nuovo servizio Self Service Repair consentirà ai clienti di acquistare parti e strumenti Apple originali, nonché le istruzioni per utilizzarli.

I clienti Apple potranno riparare display o fotocamere, oppure potranno sostituire le batterie rovinate con il passare del tempo. L’azienda offre vari modi per riparare i dispositivi e scambiare quelli vecchi con quelli nuovi per riciclarli. Adesso si potrà fare molto di più. Ai clienti interessati verrà chiesto se sono a proprio agio nell’eseguire le varie riparazioni in autonomia. Se non si riesce a riparare il proprio iPhone da soli ci si può ugualmente rivolgere ad un professionista in un secondo momento. Il servizio sarà a pagamento.

Apple Self-Service Repair, il nuovo servizi che permette ai clienti di riparare gli ultimi modelli di iPhone

Il nuovo programma di riparazione self-service affiancherà migliaia di fornitori, alcuni dei quali sono autorizzati da Apple, altri operano come attività indipendenti. L’azienda si aspetta di vedere per lo più tecnici e persone qualificate tra i clienti del servizi self-service, mentre si aspetta che il resto della clientela continui a fare affidamento alle figure esperte di riferimento. Se un cliente sceglie di eseguire le proprie riparazioni, si dovrà iscrivere online tramite un fornitore di terze parti. Verranno quindi inviate le parti pertinenti e le istruzioni e verrà chiesto loro di restituire le parti rotte per il riciclaggio.

Self Service Repair verrà inizialmente lanciato negli Stati Uniti per iPhone 12 e 13. In seguito arriverà sui computer Mac con chip M1 e si espanderà in altri paesi nel 2022. Apple dichiara che gli ultimi smartphone rilasciati sono i dispositivi più riparabili al momento. Inizialmente, offrirà 200 singole parti e strumenti che saranno disponibili per eseguire le riparazioni più comuni. Il supporto per altri tipi di riparazioni arriverà entro la fine dell’anno. Se un cliente esegue una riparazione e danneggia il dispositivo non cambierà né limiterà la possibilità di eseguire altre riparazioni in seguito sfruttando il periodo di garanzia.