WhatsApp: la nuova bufala gira in chat e parla del coronavirus, attenzione

Il rebus per gli sviluppatori di WhatsApp sta diventando quasi insormontabile. Le tendenze degli ultimi mesi raccontano di flussi sempre più costanti e continui degli utenti delle chat di messaggistica verso Telegram. Il servizio di Mark Zuckerberg, oramai con netta continuità, sta perdendo utenti proprio a favore del principale rivale.

 

WhatsApp, i flussi dei clienti premiano Telegram

Il cammino degli utenti di WhatsApp verso Telegram ha molteplici ragioni. Senza ombra di dubbio, ad incidere su questo fenomeno, ci sono gli oramai continui bug in termini di affidabilità della chat. Non ultimo in ordine di tempo, l’episodio di inizio Ottobre con la piattaforma inaccessibile in gran parte del mondo per oltre sette ore.

A determinare però il passaggio degli utenti da una chat all’altra ci sono anche le nuove condizioni d’uso di WhatsApp. Da inizio anno, la piattaforma di messaggistica istantanea ha stretto ancora di più i suoi legami con Facebook. 

Come noto, gli sviluppatori hanno inoltre introdotto una condizione molto contestata dal pubblico: la condivisione delle informazioni riservate con il social network in automatico. La condivisione dei dati riservati da WhatsApp a Facebook è finalizzata ad una rimodulazione delle pubblicità sul social network.

L’introduzione dell’obbligo di consenso ha portato molti utenti ad abbandonare il servizio. Tutti coloro che entro lo 15 Maggio non si sono adeguati alle rinnovate condizioni, ora non possono più entrare su WhatsApp né tantomeno inviare messaggi online ad amici e contatti della rubrica. Tanti utenti espulsi da WhatsApp hanno scelto di trovare rifugio proprio su Telegram.