telegram-raggiunti-1-miliardo-di-download-su-android

Non finisce mai la lotta al primo posto che attesta la migliore app di messaggistica istantanea in assoluto. La guerra, nonostante ci siano tante alternative oltre a WhatsApp, è sempre stata tra l’app del Gruppo Facebook e Telegram. Indiscutibilmente la prima è molto più diffusa e utilizzata, mentre la seconda è sempre un passo avanti in funzionalità e privacy. Nonostante tutto l’app blu ha sempre avuto la meglio se confrontata con quella verde in termini di funzionalità. A riprova di questo, Telegram nella lotta contro WhatsApp ha da poco raggiunto 1 miliardo di sì in suo favore. Che dire di più se non che l’app di Durov piace assai?

 

Telegram: raggiunti 1 miliardo di download su Android

Perché Telegram è meglio di WhatsApp? Forse questa domanda andrebbe fatta al miliardo di utenti che in due giorni, tra il 4 e il 5 ottobre, hanno scaricato l’app blu dal Play Store di Google. Vi ricordiamo che proprio in quel periodo si era verificato il down di WhatsApp, Facebook e Instagram, le tre app del Gruppo “Meta”.

Sono orgoglioso di come il nostro team ha gestito la crescita senza precedenti perché Telegram ha continuato a funzionare perfettamente per la maggior parte delle persone. Detto questo, alcuni nelle Americhe potrebbero aver riscontrato una velocità più bassa del solito, dal momento che milioni di nuovi iscritti si sono precipitati su Telegram nello stesso momento“. È questo il messaggio che Pavel Durov aveva voluto lasciare in occasione del down delle app del Gruppo Facebook.

C’è poco da dire, Telegram è più ricco di WhatsApp sotto tanti aspetti, primo fra tutti la possibilità di iscriversi a canali pieni di offerte come quello di Tecnoandroid. Senza parlare poi dei messaggi effimeri introdotti anni prima rispetto all’app verde. Potremmo anche continuare con il numero di partecipanti a una videochiamata o alla funzione introdotta delle stanze audio molto simile a quella di ClubHouse. Tutte cose che l’app verde si è persa sulla la lunga strada delle funzionalità.