canone rai

Nelle ultime settimane molte indiscrezioni davano per certe una serie di modifiche per la presenza del canone RAI sulle bollette dell’energia elettrica. L’ipotesi di possibili cambiamenti al pagamento del canone sulle fatture delle luce è nata la scorsa estate in occasione del varo per il Decreto Sostegni Bis.

 

RAI, il canone ed il futuro sulle bollette della luce

Come previsto, le novità sul canone RAI sono inserite all’interno del Decreto Concorrenza, discusso in Consiglio dei Ministri da alcuni giorni e che presto sarà al vaglio delle Camere. La discussione sul tributo si è concentrata sulla possibile eliminazione dalle bollette dell’energia elettrica.

A favorire una possibile cancellazione è l’adesione dell’Italia al programma del PNRR europeo (Recovery Fund). Da sempre, infatti, l’Unione Europea chiede ai suoi Stati membri una trasparenza totale per le spese accessorie sui prezzi per le forniture energetiche.

Il Decreto Concorrenza ha stabilito la conferma del canone RAI per il prossimo 2022, mentre novità potrebbero arrivare già a partire dal 2023, quando potrebbe essere previsto uno scorpamento del tributo dalle bollette per la luce.

La presenza del canone RAI all’interno delle bolletta risale al lontano 2015, con la riforma del pagamento prevista dall’allora Governo Renzi. Sempre in base a questa riforma fu stabilito il nuovo costo del tributo per la tv di Stato pari a 90 euro, quota tutt’oggi confermata.

Con l’inserimento del canone RAI in bolletta l’evasione del tributo è drasticamente diminuita nel corso del tempo. Oggi, anche grazie al pagamento del tributo, la tv di Stato riceve annualmente un contributo di 1,3 miliardi.