tempesta-solare

Gli scienziati prevedono che nei prossimi quattro anni si verificheranno tempeste solari che si “cannibalizzano” a vicenda, questo perche’ il Sole mostrerà un’attività più accentuata.

La scorsa settimana una serie di tempeste geomagnetiche hanno colpito la Terra, e[ accaduto perche’ il Sole stava iniziando il suo nuovo ciclo solare, che si svolge ogni 11 anni e raggiungerà il suo picco nel 2025.

Una serie di espulsioni di massa coronale ha colpito la Terra nell’ultima settimana, a seguito di un grande brillamento solare ad Halloween.

Occasionalmente, queste espulsioni possono accadere così frequentemente che quelle successive viaggiano più velocemente delle precedenti e si fondono con quelle più lente.

La prima ondata essenzialmente si fa strada attraverso i 93 milioni di miglia e quasi aprendo la strada ad altri CME che entreranno dietro di essa“, Bill Murtagh, coordinatore del programma presso lo Space Weather Prediction Center (SWPC) del National Oceanic and Atmospheric L’amministrazione (NOAA) ha detto a Space.

Ecco cosa potrebbe accadere nella peggiore delle ipotesi

Il team del NOAA utilizza un veicolo spaziale chiamato Deep Space Climate Observatory (Dscovr) che si trova a un milione di miglia di distanza dalla Terra in direzione del Sole. Quando un CME colpisce il velivolo, gli scienziati sanno che ci vorranno tra 20 o 30 minuti prima che la tempesta raggiunga il pianeta.

Le CME minacciano le reti elettriche e i satelliti, ma di solito sono gestibili.

Abbiamo avuto centinaia di esempi di questo tipo di tempesta, quindi sappiamo come comportarci nel caso“, ha detto Murtagh. “Stiamo vedendo alcune di quelle irregolarità di tensione, ma a questo livello è molto gestibile.”

Tuttavia, con questo tipo specifico di CME, i risultati possono essere molto più gravi. “Abbiamo determinato per tutti gli scopi pratici che il nostro scenario peggiore per lo scenario di un evento di tempesta geomagnetica estrema sarà davvero questo”. ha detto Murtagh.”I CME non erano mai stati così grandi“, aggiungendo che ci sono “ancora molte incognite nel settore della meteorologia spaziale.

Nel peggiore dei casi, una tempesta solare potrebbe essere abbastanza calamitosa da portare il mondo intero in una “apocalisse senza Internet“.

In tal caso, le linee elettriche, i cavi e i satelliti che supportano il GPS potrebbero essere danneggiati e gli esperti affermano che non abbiamo idea di quanto sia resistente l’attuale infrastruttura alla grande attività solare.