whatsapp-maggior-controllo-privacy-aggiornamento-beta-android

Ogni giorno WhatsApp nelle sue versioni Beta, destinate ai Beta Tester, offre sempre nuove soluzioni implementando la sua app che sta diventando ancora più sicura, fruibile e versatile. WABetaInfo, infatti, ha da poco scovato un’ulteriore funzione ora disponibile con la versione Beta per Android 2.21.23.14. La novità si può riassumere in: “I miei contatti eccetto…“. In pratica, con il nuovo aggiornamento di WhatsApp, presto in arrivo su tutti i dispositivi, avremo maggiore controllo sulla privacy. Ecco i dettagli.

 

WhatsApp: con il nuovo aggiornamento Beta abbiamo più controllo sulla nostra privacy

WhatsApp sta finalmente implementando un’opzione ‘I miei contatti eccetto…‘ per le tue impostazioni sulla privacy, offrendoti un maggiore controllo sulla tua privacy“. È questo il tweet che svela la nuova funzionalità contenuta nella recente versione Beta per Android 2.21.23.14. A scoprire questa nuova opzione è, ancora una volta, il famoso leaker WABetaInfo che ci delizia su tutte le novità in anteprima dell’app del Gruppo Facebook.

Si tratta di un test che WhatsApp sta facendo su una delle funzionalità migliori per la privacy. Ma di cosa si tratta e, soprattutto, perché è così importante nella fruizione di WhatsApp? A spiegarcelo bene è il comunicato pubblicato online da WABetaInfo che ha già provato questa novità:

Quando selezioni “I miei contatti tranne…” puoi finalmente scegliere chi non può vedere le tue informazioni su WhatsApp. Tieni presente che, se la funzione non è abilitata per le persone che selezioni nella sezione “I miei contatti eccetto”, non potranno comunque vedere le tue informazioni. Se disattivi l’ultimo accesso per contatti specifici, non potrai vedere anche il loro ultimo accesso: questa regola speciale per Ultimo accesso non si applica a Informazioni e Foto del profilo“.

Insomma, dopo la novità di WhatsApp con Community, ora tocca alla nostra privacy. Possiamo proprio dire che l’app del Gruppo Facebook sta andando alla grande e chissà se un giorno sarà in grado di superare anche Telegram in quanto a funzionalità e invettiva.