Covid a scuola: i positivi saranno trattati con altre regole, ora sarà più semplice

Le regole stanno cambiando in tutti gli ambienti, soprattutto quelli dove il Covid può diffondersi molto più agevolmente e rapidamente. Uno di questi è senza dubbio la scuola, ambiente da salvaguardare al massimo per consentire ai ragazzi di continuare con l’istruzione senza doversi relegare alla propria poltrona di casa.

Sono state prese infatti nuove iniziative e adottati nuovi provvedimenti al fine di evitare in ogni modo il ritorno della didattica a distanza. Le regole lanciate questa settimana sono diventate quindi ufficiali, soprattutto per quanto riguarda la quarantena. Questa sarà disposta singolarmente nel momento in cui i casi di positività in una classe dovessero essere uno o due. Se dovessero manifestarsi invece almeno tre positivi, si procederà alla quarantena dell’intera classe.

Con uno o due casi di positività, tutta la classe proseguirà con un tampone, il quale risultando negativo porterà tutti allo svolgimento normale delle lezioni. Dopo cinque giorni poi saranno fatti nuovi test.  Ovviamente tante disposizioni saranno riviste in corso d’opera durante le prossime settimane e durante i prossimi mesi.

 

Covid e scuola:e dichiarazioni di Mario Rusconi, presidente dell’Anp di Roma e Lazio (ANSA)

Nel primo giorno di applicazione delle nuove norme sulle quarantene, a Roma non si segnalano particolari criticità. A seguito di alcuni ragazzi risultati positivi al Covid, si è dato il via ai ciclo di tamponi, con alcune classi in quarantena. Riteniamo le nuove regole un passo in avanti positivo, ma ribadiamo la necessità che le Asl non ci lascino soli nella gestione dei casi. Serve un’attenta e coordinata supervisione