alibaba

Alibaba ha riportato un altro anno di dati di vendita record per il Singles Day, il più grande evento annuale di shopping al mondo. Ma il suo slancio sta rallentando poiché l’economia cinese si indebolisce e Pechino ha rafforzato la sua presa sull’industria tecnologica.

Alibaba ha affermato che il volume totale delle merci lorde ha raggiunto i 540,3 miliardi di yuan (84,5 miliardi di dollari) nei primi 11 giorni di novembre, culminando con le festività di giovedì. Si tratta di un aumento dell’8,5% rispetto a un anno fa, inferiore alla fascia più alta di una previsione recentemente fornita dagli analisti di Citi, che si aspettavano un aumento del 15%, o 578 miliardi di yuan (90 miliardi di dollari). È anche al di sotto della fascia bassa di quella previsione degli analisti, circa 86 miliardi.

La cifra di quest’anno è un grande rallentamento rispetto al balzo del 26% che Alibaba ha registrato lo scorso anno, rispetto al 2019. Gli analisti di Citi hanno scritto venerdì che, sebbene i numeri di quest’anno siano stati peggiori di quanto previsto, “non è stato del tutto inaspettato” data la forte concorrenza, un rallentamento dell’economia.

La concorrenza sembra andare sempre meglio

Il rivale più piccolo JD.com è andato meglio, registrando 349,1 miliardi di yuan (54,6 miliardi di dollari) nelle vendite. È aumentato del 28,6% rispetto a un anno fa, anche se ancora più lento del tasso di crescita del 33% raggiunto l’anno scorso.

Alibaba ha lanciato il primo Singles Day Shopping Festival l’11 novembre 2009. L’evento, noto anche come Double 11, è legato all’informale festività cinese anti-San Valentino che celebra le persone che non hanno relazioni.

Da quel primo evento, il Singles Day si è trasformato in una frenetica corsa allo shopping osservata non solo da Alibaba, ma anche da altre società di e-commerce che offrono i propri sconti e promozioni. Le offerte si svolgono nell’arco di diversi giorni o addirittura settimane. Si è diffuso anche al di fuori della Cina, con Lazada, sussidiaria del sud-est asiatico di Alibaba, che offre accordi a Singapore, Malesia, Indonesia, Thailandia e Vietnam.