tesla-elon-musk-twitter-referendum-vendita-azienda

Non manca di far parlare di sé il patron di Tesla che, a volte punta sulle criptovalute come Shiba Inu, altre su SpaceX, lo spazio, Marte e internet satellitare, altre ancora sulla sua azienda che produce auto elettriche. Ora è arrivato il momento fatidico per quest’ultima che sta tenendo banco da un po’ di giorni a questa parte. Di cosa si tratta? Se ancora non lo sapete, Elon Musk ha chiesto su Twitter, attraverso una specie di referendum social, se deve vendere il 10% delle sue azioni Tesla. Scopriamo insieme quale è stata la risposta degli utenti.

 

Tesla: Elon Musk avvia un sondaggio su Twitter chiedendo se deve cedere il 10% delle sue azioni

Ultimamente si parla molto di guadagni non realizzati come mezzo di elusione fiscale, quindi propongo di vendere il 10% delle mie azioni Tesla. Sostieni questo?”. Eccolo qua l’ultimo tweet del buon vecchio Musk che sta tenendo banco su Twitter e in tutte le testate giornalistiche web e fisiche in questi giorni.

Una richiesta insolita, o meglio, si tratta di un parere che nessuno di noi, al suo posto, penserebbe mai di chiedere alla popolazione social che ci segue su Twitter, su Instagram, su Facebook, TikTok o qualsiasi altra piattaforma social. Invece Elon Musk lo ha fatto e non solo il risultato, ma anche la partecipazione è sorprendente.

Come si può evincere dal post qui sopra, ben il 57,9% è favorevole alla vendita del 10% delle azioni di Tesla. Mentre il 42,1% è contrario. Lo ha confermato anche il The Wall Street Journal. Alla Borsa sembra non aver fatto bene questo messaggio tanto che, al momento della scrittura, il titolo è in down dello 0,33%. A conferma di ciò quanto esposto in un interessante articolo dal noto quotidiano nazionale di finanza, il Sole 24 Ore:

È evidente che, seppur rapportato a un titolo che capitalizza 1227 miliardi di dollari, un simile ammontare di titoli in vendita è destinato a muovere al ribasso il titolo. L’iniziativa di Musk è destinata a influenzare il prezzo delle azioni. In che misura lo si scoprirà nei prossimi giorni“.

FONTEThe Wall Street Journal