tesla

Sabato, il CEO di Tesla Elon Musk ha twittato un sondaggio, chiedendo ai suoi follower di Twitter se avrebbe dovuto vendere il 10 percento delle sue azioni della casa automobilistica.

Ultimamente si parla molto di guadagni non realizzati come mezzo di elusione fiscale, quindi propongo di vendere il 10% delle mie azioni Tesla“, ha twittato.  Entro domenica mattina, le risposte “sì” erano in testa, con il 57% con oltre 3,1 milioni di voti.

Musk è stato interrogato dal web a seguito di una proposta volta per tassare i guadagni non realizzati sui beni quotati in borsa per alcuni degli americani più ricchi. Secondo la proposta del senatore Ron Wyden, ogni persona dovrebbe pagare le tasse sul guadagno non realizzato.

Fondamentalmente ciò porrebbe fine alla scappatoia fiscale che consente ai miliardari di posticipare le tasse sulle plusvalenze.

Le parole del senatore

Wyden ha risposto all’idea di Musk, twittando sabato: “Che l’uomo più ricco del mondo paghi o meno le tasse non dovrebbe dipendere dai risultati di un sondaggio di Twitter, è il momento dell’imposta sul reddito dei miliardari”.

Non è stata nemmeno la prima volta che Musk ha pensato di vendere alcune delle azioni Tesla. Musk ha detto alla giornalista Kara Swisher alla Code Conference di settembre che aveva in programma di vendere una grossa fetta delle sue stock option Tesla prima della scadenza. “Ho un sacco di opzioni che scadono all’inizio del prossimo anno, quindi questo è un enorme blocco di opzioni che venderemo nel quarto trimestre“, ha detto.

Swisher ha chiesto se fosse sorpreso di quanto le azioni di Tesla fossero aumentate. “Sono andato agli atti e ho detto che penso che il prezzo delle azioni sia troppo alto, secondo me”, ha aggiunto Musk in seguito. “Cosa dovrei fare? Non sono io a farla salire”.