vaccini europa covid

Con i casi di Covid-19 e i decessi che salgono ai massimi livelli nell’UE, il 20 ottobre il presidente della Romania ha decretato nuove misure rigorose: certificati di vaccinazione per la maggior parte delle attività, mascherine obbligatorie per strada e solo le persone vaccinate sarebbero state autorizzate a lasciare le loro case dopo buio.

I tassi per la vaccinazione completa si aggirano intorno al 32%. Lo scetticismo sui vaccini è diffuso in Romania così come in gran parte dell’Europa. I medici denunciano i pazienti che chiedono certificati di vaccinazione fittizi, e nel linguaggio è entrato un nuovo termine: vaccinazioni “sink”, così chiamate perché il contenuto della siringa va a finire nello scarico, non in un braccio.

La Romania è la più colpita, ma è tutt’altro che unica. In tutta l’Europa sudorientale, la diffusione dei vaccini è bassa e il sospetto nei confronti delle autorità è alto. In Serbia, il 43% è completamente vaccinato contro il Covid-19 mentre in Bulgaria 21% e in Bosnia-Erzegovina solo il 15%.

Perché la gente non crede ai vaccini

Questo scetticismo è radicato nella storia e rafforzato dall’esperienza. Durante l’era comunista, le autorità erano viste come dure e le loro decisioni arbitrarie. Alcuni dei governi eletti dopo il 1989 e la caduta della cortina di ferro non sono andati meglio. La corruzione era diffusa. C’erano poche ragioni per fidarsi dello stato, per consigli sulla salute o altro.

“La gente non si fida che lo Stato agisca nell’interesse del bene comune”, osserva il professor Florian Bieber, direttore del Centro di studi sull’Europa sudorientale dell’Università di Graz, in Austria. “Non si fidano dei messaggi provenienti dallo stato e nemmeno dagli esperti. Credono che questi siano tutti guidati da interessi egoistici“.

La Serbia ha imposto misure di emergenza nei primi mesi della pandemia, compreso il coprifuoco in diversi fine settimana che durano da venerdì sera fino a lunedì mattina. Tuttavia, non c’erano tali restrizioni alle manifestazioni prima delle elezioni locali del giugno 2020.