covid-19-cina-indagini-origini-virus-no-base-scientifica

Continua la diatriba tra il rapporto americano dell’Office of Director of National Intelligence (ODNI) e la Cina sulla trasmissione del Coronavirus tra animale ed essere umano o di una fuga di laboratorio. Secondo Pechino le indagini sulle origini del Covid-19 e le relative ipotesi della trasmissione del virus, appena menzionate, non hanno una base scientifica. In altre parole, la scienza non avrebbe ragione e sarebbero solo bugie. Scopriamo insieme i dettagli che emergono dalla dichiarazione del portavoce del Ministero degli Esteri cinese.

 

Covid-19: la Cina smentisce la scienza sulle origini del Coronavirus

A rispondere al rapporto dell’Office of Director of National Intelligence (ODNI) in merito alle origini che la scienza avrebbe ipotizzato sul Covid-19 in Cina, è stato il portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Kong Quan:

Una bugia ripetuta mille volte è pur sempre una bugia. Non importa quante volte il rapporto venga pubblicato o in quante versioni arrivi: non cambierà il fatto che questo rapporto è, in sostanza, politicizzato e falso, privo di basi scientifiche e di credibilità“.

Purtroppo quanto dichiarato dimostra una seria e oggettiva difficoltà collaborativa in merito a un tema scientifico molto importante. Ovviamente risposte sulle origini del Covid-19 non cambierebbero di certo gli eventi ormai accaduti. Tuttavia potrebbe aiutarci a essere preparati a una possibile pericolosa nuova pandemia, controllandola al meglio.

In questo caso però, la Cina appare incomprensibilmente ostica sul punto. Forse c’è davvero qualcosa da nascondere? Non ci è dato sapere e, fino a prova contraria, supposizioni di questo tipo sono fuorvianti lasciando il tempo che trovano. Resta il fatto che il Covid-19 si è diffuso proprio dalla Cina e sarebbe un passo in avanti se si creasse una collaborazione globale per comprenderne le cause.

Dagli errori, se di questi si tratta, si può sempre imparare per evitarli in futuro. Nascondendoli invece perdiamo tutti l’opportunità di evitare nuovi gravi conseguenze. E non sarebbe male visto che il Covid-19 ci sta ancora preoccupando. Infatti questa settimana si prevede una situazione difficile proprio a causa della Variante Delta, frutto delle sue innumerevoli mutazioni.

FONTEadnkronos