Postepay: nuova truffa in atto con un messaggio phishing, conti svuotati

L’IPTV sta ampliando il suo raggio di azione e sono sempre di più gli utenti che sottoscrivono abbonamenti del genere. L’obiettivo della legge però è contrastare il fenomeno della pirateria e a quanto pare la Guardia di Finanza starebbe lavorando molto bene ed in maniera continuativa. Durante gli ultimi giorni le indagini avrebbero portato a nuovi risvolti proprio su alcune piattaforme.

L’uso delle VPN ha contribuito alla crescita di questi servizi. Sfruttata in modo legale, una VPN è un servizio consigliatissimo e facile da usare essendo protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attuale, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.

 

IPTV: la Guardia di Finanza scopre tutto, a gestire era un 70enne

Coloro che credevano di non passare sotto l’occhio attento della legge, si sbagliavano di grosso. Sono 1800 gli utenti che a Varese sono stati bloccati dalla Guardia di Finanza, dopo che le indagini hanno condotto a una piattaforma. Questa, gestita da un settantenne, era organizzata al meglio su alcuni server. Ora tutti rischiano una multa da almeno 1000 €.

Il susseguirsi di azioni di contrasto sempre più frequenti ed efficaci sono il risultato della stretta collaborazione tra industria e forze dell’ordine, a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’impegno nella lotta ad un fenomeno criminale che danneggia l’intera industria sportiva, dallo sport amatoriale, agli appassionati, fino ai detentori dei diritti e i broadcaster, distruggendo posti di lavoro e creatività“.