covid

Secondo un nuovo studio pubblicato dai Centers for Disease Control, le persone non vaccinate che erano sopravvissute a una precedente infezione da COVID-19 avevano una probabilità cinque volte maggiore di essere nuovamente infettate dal virus rispetto a quelle che erano state completamente vaccinate con i vaccini Pfizer o Moderna.

La scoperta proviene dai dati pubblicati venerdì nel Morbidity and Mortality Weekly Report del CDC, esaminando i record di adulti ricoverati con sintomi di COVID-19 nella “VISION Network” dell’agenzia di ospedali in nove stati.

Gli autori dello studio hanno affermato che i loro risultati hanno mostrato che “l’immunità indotta dal vaccino era più protettiva dell’immunità indotta dall’infezione” tra i pazienti che avevano avuto il loro primo attacco o erano stati vaccinati da tre a sei mesi prima.

“Ora abbiamo ulteriori prove che riaffermano l’importanza dei vaccini COVID-19, anche se si ha avuto un’infezione precedente. Questo studio aggiunge ulteriori informazioni che dimostrano l’efficacia dei vaccini contro il COVID-19”, il direttore del CDC Dr. Rochelle Walensky ha detto in una nota.

I piu’ sicuri quelli che hanno fatto Moderna

All’inizio di quest’anno, il CDC ha pubblicato dati dal Kentucky che suggeriscono che i non vaccinati avevano più di due volte più probabilità di essere reinfettati, rispetto a quelli che erano completamente vaccinati. Lo studio pubblicato venerdì include dati dopo l’aumento della variante Delta in rapida diffusione, che ora costituisce praticamente tutti i casi di malattia negli Stati Uniti.

L’analisi non ha incluso gli adulti che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson, a cui attualmente si raccomanda di ricevere una vaccinazione di richiamo almeno due mesi dopo la prima vaccinazione.

La protezione dal vaccino di Modernasembra essere più alta” rispetto al vaccino di Pfizer, hanno osservato gli autori dello studio CDC. L’aumento della protezione dalla vaccinazione è “tendenzialmente più alto” anche tra gli anziani, rispetto agli adulti sotto i 65 anni.

I dati riportati dal CDC fino alla fine di agosto suggeriscono che circa il 22% degli americani di età pari o superiore a 16 anni potrebbe avere anticorpi contro il virus da una precedente infezione. In combinazione con l’immunità dai vaccini, la stima è che quasi il 90% ha una certa protezione anticorpale.