Nonostante la mancanza di chip e le difficoltà riscontrate in generale da Microsoft, l’azienda dichiara di aver spedito molti modelli della nuova Xbox Series X. La mancanza di scorte non è stato un problema così ostacolante come previsto.

Come nel caso di Sony e della PS5, le nuove Xbox Series X e S sono state quasi impossibili da acquistare da quando sono state rilasciate quasi un anno fa. Una serie di problemi, tra cui la carenza di chip in corso che li rende difficili da realizzare e i lockdown che portano ad un incremento della domanda, hanno fatto sì che le console siano poche e finiscano in fretta.

Domanda/offerta ai tempi del Covid-19: Microsoft conferma di aver spedito più Xbox Series X del previsto

Microsoft dichiara che nonostante il contesto dovuto a tutti i problemi elencati poco fa, è riuscita a fare meglio di quanto si aspettasse per soddisfare tutti i suoi clienti. “Siamo stati in grado di spedire più console Xbox Series X (in parte anche S) del previsto. Anche se, la domanda continua a superare l’offerta“, spiega Amy Hood, chief financial officer di Microsoft.

L’elevata domanda per la console lanciata da Microsoft ha contribuito anche ad un aumento vertiginoso dei profitti dell’azienda. I ricavi sono aumentati del 166% nell’ultimo trimestre, portando ad un anno di forte crescita. Così come confermato dai documenti ufficiali rilasciati dalla società. Nel complesso, i ricavi sono aumentati del 16%. Tuttavia, la situazione è ben diversa per quanto riguarda altri settori. Ad esempio, i servizi aggiuntivi offerti da Microsoft, come Xbox Game Pass, sono cresciuti molto lentamente.