whatsapp-arrivo-pagamenti-utenti-prepararsi

A breve gli utenti potrebbero dover eseguire la verifica per effettuare pagamenti sulla piattaforma WhatsApp. Lo dimostrano i record trovati dalla risorsa xda-developers nel codice dell’ultima versione beta di WhatsApp, secondo cui gli utenti del messenger dovranno scaricare copie dei documenti giustificativi per poter continuare a utilizzare la funzione di pagamento.

Attualmente, durante la configurazione di WhatsApp Pay in India, la piattaforma verifica solo il numero di telefono associato al conto bancario dell’utente per effettuare una transazione basata sull’Unified Payments Interface (UPI). In Brasile, il messenger utilizza Facebook Pay per verificare le carte di credito o di debito degli utenti per facilitare i pagamenti.

WhatsApp non ha ancora introdotto Pay in tutti i paesi

Al momento, il servizio non richiede agli utenti di fornire alcun documento che confermi la loro identità per effettuare i pagamenti. Tuttavia, questo potrebbe presto cambiare. Ci sono diverse nuove righe nel codice beta di WhatsApp v2.21.22.6 che suggeriscono che gli utenti potrebbero dover caricare copie dei documenti di identità per continuare a utilizzare la funzione di pagamento.

È possibile che il team di sviluppo di messenger si stia preparando a lanciare il servizio WhatsApp Pay in una nuova regione, dove la legislazione richiede la conferma dell’identità quando si effettuano pagamenti.

Sebbene la crittografia end-to-end sia stata utilizzata nel messenger di WhatsApp dal 2016; c’era un inconveniente che annullava tutti gli sforzi per proteggere i dati degli utenti: non esisteva alcuna crittografia per i backup delle chat. Ora gli utenti del messenger saranno in grado di risolvere questo problema.

Le informazioni su cui WhatsApp sta lavorando sulla crittografia end-to-end dei backup sono apparse più di un anno fa; e recentemente è disponibile una versione beta del messenger con la corrispondente funzionalità. Dopo una serie di test, la nuova funzione è diventata disponibile per gli utenti ordinari della versione stabile del software.