tim-utenti-sotto-scacco-email-phishing-sollecito-pagamento

Continuano le truffe ai danni di poveri malcapitati che cadono nelle trappole realizzate alla perfezione da cybercriminali esperti. L’ultimo ritrovato è davvero pericoloso e mette a rischio il conto corrente con tutti i risparmi della vittima. Infatti, sono molti gli utenti TIM finiti sotto scacco a causa di una preoccupante email di sollecito per pagamento. Scopriamo insieme cosa sta succedendo e, se sei cliente TIM, come proteggerti da questo grave raggiro.

 

TIM: con l’ultimo sollecito di pagamento ti svuotano il conto corrente

Ultimo sollecito per pagamento bollette“. È questo l’oggetto di una preoccupante email che molti clienti TIM si sono visti recapitare in questi giorni. Un attacco phishing al quale prestare particolarmente attenzione visto che le segnalazioni continuano ad aumentare.

Nel corpo, la mail sollecita il pagamento mancante di una bolletta intimando il blocco del servizio e la segnalazione alla centrale dei rischi dell’utente nel caso, entro pochi giorni, non venga saldato. La cosa ancora più preoccupante è che l’email sembra proprio essere stata inviata da TIM.

Per grafica e contenuto, se non fosse per alcuni errori, è quasi identica a quelle inviate dall’operatore nazionale. Ma il vero pericolo sta nel link indicato nel testo. Questo rimanda a una pagina fraudolenta sempre identica a quelle di TIM.

Lì, ad attendere la vittima, un format richiede l’inserimento dei dati personali compresi quelli bancari. Una volta cliccato sul tasto “Effettua il pagamentohacker esperti si appropriano del denaro dell’utente.

 

Come proteggersi da questa truffa

Proteggersi da questa truffa e da altre del genere non è poi così difficile. La prima cosa da fare è non agire mai di impulso preoccupati che, come nel caso phishing di TIM, il servizio venga bloccato. Qualsiasi sollecito di pagamento promette tempi tecnici affinché il cliente possa non solo organizzarsi per il pagamento, ma anche verificare che quanto indicato sia corretto.

Inoltre messaggi di questo tipo non vengono mai inviati tramite email né da TIM e nemmeno da qualsiasi altra azienda o erogatore di servizi. Recentemente sono finiti sotto attacco hacker anche i clienti Intesa Sanpaolo. Quindi mai cliccare su link di dubbia provenienza inviati tramite email, SMS o chat WhatsApp.