pfizer-astrazeneca-seconda-dose-pericolo

La campagna di vaccinazione in Italia sta superando anche la quota dell’80% dei vaccinati con prima dose e con richiamo. L’entrata in vigore dell’obbligo di Green pass per i lavoratori del settore pubblico e privato dovrebbe portare ad un aumento ulteriore dei dati per gli immunizzati contro il Covid. Il Governo intanto è impegnato in maniera parallela anche sul fronte delle terze dosi del vaccino Pfizer. 

 

Pfizer, possibile il via alla terza dose per tutti i cittadini over 18

Le operazioni della terza dose per Pfizer si sono aperte lo scorso mese di Settembre. Per il momento, le immunizzazioni si concentrano sui cittadini che hanno malattie pregresse e per i cittadini anziani. L’obiettivo è quello di coprire con ulteriore somministrazione tutti coloro che hanno completato il primo ciclo vaccinale lo scorso inverno.

Per il futuro a breve termine potrebbero però esserci altre ed importanti novità. L’EMA, l’ente regolatore europeo per i farmaci, ha ad esempio dato il suo ok alle somministrazioni del vaccino Pfizer a tutti gli over 18 anche in terza dose. Contestualmente anche il Ministero della Salute in Italia ha aperto allo scenario di una ulteriore somministrazione generalizzata per tutta la popolazione. Ulteriori novità dovrebbero arrivare tra la fine dell’autunno e l’inizio del prossimo inverno.

La comunità scientifica intanto si mostra concorde sui benefici della terza dose di Pfizer contro il Covid. Anche attraverso l’ulteriore immunizzazione è possibile contrastare l’avanzare delle nuove varianti del patogeno, tra cui variante Delta che come noto è  molto più infettiva rispetto alle precedenti.