squid game

Venerdì, Netflix ha licenziato un dipendente che ha ammesso di aver scaricato dati interni su Squid Game e di averli condivisi al di fuori dell’azienda, il che è una grossa violazione delle politiche interne sulla privacy e la riservatezza. Le informazioni includevano dati finanziari e lo speciale stand-up di Dave ChappelleThe Closer“, per il quale Netflix avrebbe pagato 24,1 milioni.

Squid Game”, il dramma coreano diventato il più grande show televisivo di sempre di Netflix, è sulla buona strada per tornare in grande stile sul servizio di streaming, secondo le ultime voci interne della società.

Netflix ha pagato 21,4 milioni di dollari per elaborare una serie di nove episodi, che è stata presentata in anteprima quattro settimane fa, e la società stima che “Squid Game” consegnerà dei guadagni pari a 40 volte questa cifra: circa 891 milioni di dollari, in quello che chiama “valore di impatto“, ha riferito Bloomberg sabato.

Netflix non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Secondo il rapporto di Bloomberg, un avvocato di Netflix ha dichiarato alla testata giornalistica che sarebbe “inappropriato” per Bloomberg pubblicare i dati riservati contenuti nei documenti.

Ecco la probabile motivazione

Il dipendente Netflix che ha divulgato i dati potrebbe essere stato motivato dal desiderio di offuscare l’immagine dell’azienda, rivelando che ha pagato di più per “The Closer” che per “Squid Game”, il suo nuovo successo mondiale. Il membro dello staff era l’unico dipendente che aveva avuto accesso ai dati per la programmazione che è stata successivamente citata da Bloomberg.

Nei 23 giorni dal debutto del 17 settembre di “Squid Game“, 132 milioni di famiglie Netflix hanno trasmesso in streaming almeno due minuti dello spettacolo, secondo il rapporto di Bloomberg. Circa l’89% di quegli spettatori ha guardato almeno 75 minuti (cioè più di un episodio) e il 66% di loro (87 milioni di utenti) hanno terminato l’intera serie entro i primi 23 giorni dalla sua uscita. Complessivamente, gli utenti di Netflix hanno trasmesso in streaming oltre 1,4 miliardi di ore di “Squid Game” in 20 giorni.

In “Squid Game“, ambientato nella moderna Corea del Sud, 456 concorrenti disperatamente colpiti dai debiti competono in una competizione mortale di origine misteriosa. Vengono messi l’uno contro l’altro in una serie di giochi per bambini ma hanno la possibilità di vincere 45,6 miliardi di won (circa 38,5 milioni) in premi in denaro.

Il creatore e regista di “Squid GameHwang Dong-hyuk ha affermato di volere che la serie mettesse in evidenza il crescente divario di ricchezza nel mondo moderno. “Volevo scrivere una storia che fosse un’allegoria o una favola sulla moderna società capitalista, qualcosa che descrivesse una competizione estrema, un po’ come la competizione estrema della vita“, ha detto a Variety in un’intervista il mese scorso.